Building Information Modeling, l’ultima frontiera della progettazione architettonica all’istituto “Di Vittorio”

LADISPOLI (Roma) – Il suo principale vantaggio è l’interoperabilità dei software e quindi la possibilità di comunicare con colleghi progettisti, architetti e partner, che utilizzano altre piattaforme o programmi informatici.

In gergo viene definito “una rappresentazione computabile delle caratteristiche fisiche e funzionali di una struttura e delle informazioni relative al ciclo di vita previsto, utilizzando standard aperti per il processo decisionale d’impresa, rivolto alla migliore profittabilità”.

Traducendo per i profani, si tratta di una nuova modalità di progettazione, che consente, oltre alla modellazione tridimensionale, di scambiarsi dati grafici, disegni e schede tecniche. Si chiama BIM (Building Information Modeling – Modello di Informazioni di un Edificio) e rappresenta l’ultima frontiera della progettazione architettonica. In uso già da tempo sullo scenario internazionale, sta prendendo piede anche in Italia. E a lezione di BIM stanno andando gli studenti dell’Istituto Superiore “Giuseppe Di Vittorio” di Ladispoli (Indirizzo C.A.T. Costruzioni, Ambiente e Territorio).

A spiegare i vantaggi di questo nuovo approccio progettuale è la professoressa Luciana Polverino, docente di Costruzioni e Disegno Tecnico dell’Istituto Superiore “Giuseppe di Vittorio”: “In un’era in cui domina la velocità e la globalizzazione, il BIM consente di fornire immediatamente ai propri colleghi e referenti, nell’istante di un clic e in ogni angolo del pianeta, tutte le informazioni e i dati tecnici di un progetto, senza perdere un solo dettaglio e senza essere costretti ad utilizzare lo stesso software. Siamo molto soddisfatti per il percorso formativo intrapreso dai nostri allievi. La conoscenza del BIM contribuisce a rendere sempre più competitiva la loro professionalità e a facilitare l’inserimento nel mercato del lavoro”.

Migliora, dunque, la possibilità di dialogo tra professionisti e di integrazione fra piattaforme informatiche diverse (per esempio Autocad e 3Ds Max). Ma gli aspetti positivi non finiscono qui: la modalità BIM, infatti, consente un controllo del proprio progetto a 360 gradi, compresa la verifica in itinere di eventuali incoerenze. In sintesi, un’ottimizzazione dell’attività progettuale, in tutte le sue fasi.

“L’Istituto Superiore ‘Giuseppe Di Vittorio’ – hanno sottolineato i professori R.V. Pirito e M. Giugliano, docenti del corso B.I.M. – si prefigge lo scopo di rispondere in modo sempre più efficace ai fabbisogni formativi richiesti dalle realtà economiche e professionali del suo territorio, proponendosi come “scuola dell’innovazione”. Il corso prevede una formazione base sull’utilizzo del BIM della durata di 20 ore, che si svolgono in orario extra-scolastico, con l’obiettivo di fornire specifiche competenze professionali agli allievi, anticipandone l’inserimento nel mondo del lavoro. La sfida che l’Istituto ha lanciato  – hanno aggiunto i docenti – è quella di creare profili curriculari capaci di utilizzare le più recenti tecnologie informatiche nel settore CAD e BIM. Presto il B.I.M. diventerà obbligatorio. ll comma 13 dell’articolo 23 del Nuovo Codice Appalti stabilisce, infatti, che un decreto del Ministero delle Infrastrutture dovrà determinare le modalità e i tempi di progressiva introduzione dell’obbligatorietà del BIM, sia per le amministrazioni, sia per le imprese. Ma il primo step è già stato fissato e  prevede l’obbligo, per le opere sopra ai 100 milioni, nel 2019”.

Ottima la risposta da parte degli studenti, che hanno manifestato sin dalla prima lezione entusiasmo, interesse e partecipazione. “L’Istituto aveva già da tempo adottato il software Autocad per il disegno assistito al computer. A partire da questo a.s. 2016/2017, ha introdotto l’uso di tecnologie B.I.M., con l’utilizzo di Archicad 19 della Graphisoft. Gli allievi stanno vivendo questa esperienza come una piccola rivoluzione – hanno sottolineato i docenti Pirito e Giugliano – in quanto il B.I.M. permette di realizzare un progetto in 3d e, se costruito correttamente, consente di ricavare in automatico disegni bidimensionali (sezioni, prospetti, particolari costruttivi) e di ottenere visualizzazioni utili per la comunicazione dell’intero progetto (assonometrie, prospettive, spaccati assonometrici, rendering), oltre che i dati numerici relativi ai computi metrici ed abachi che permettono di stimare i costi dell’intervento. Senza dimenticare – concludono – che con il B.I.M. è possibile ‘approcciare’ una progettazione, controllando anche gli aspetti energetici dell’edificio”.

Il corso, frequentato dagli allievi delle Classi Terze e Quarte del “Di Vittorio”, è iniziato il 16 gennaio. Si svolgerà in 20 ore, presso il Laboratorio CAD dell’Istituto di via De Begnac e rientra nelle attività di Alternanza Scuola/Lavoro.

Dal prossimo anno saranno coinvolte anche le Quinte.

   

Articoli Correlati

POTREBBE ANCHE INTERESSARTI
Aspettando Natale arriva “Walk for Life”, una passeggiata di solidarietà fissata per domenica 16 dicembreLEGGI TUTTO
di MARIA ANTONIETTA GERMANO – VITERBO –  In vista del Natale, tra le tante iniziative accolte dal Comune di Viterbo
A San Lorenzo Nuovo un “Magico Natale” ricco di eventiLEGGI TUTTO
SAN LORENZO NUOVO ( Viterbo) – Sabato 8 dicembre, con l’accensione dell’albero di Natale e delle luminarie, sono ufficialmente iniziati,
A Montalto un “Natale Insieme”. Gli appuntamenti del fine settimanaLEGGI TUTTO
MONTALTO DI CASTRO ( Viterbo) – Secondo weekend del cartellone “Natale Insieme 2018”. A Montalto di Castro, venerdì 14 dicembre,
Il “Christmas in Jazz” nel cuore di Vetralla. Attesa per il tradizionale concerto natalizioLEGGI TUTTO
di Redazione – VETRALLA ( Viterbo) – Il complesso bandistico “O. Pistella” del comune di Vetralla diretto da Augusto Mentuccia
“Viterbo Città della Ceramica”, gremita la Sala Regia di Palazzo dei PrioriLEGGI TUTTO
VITERBO – “Viterbo città della ceramica. Passato, presente e futuro di una grande tradizione”: A Palazzo dei Priori una sala
ViterComix 2.0 porta a Viterbo “Il Natale dei fumetti”, inaugurazione sabato 22 dicembreLEGGI TUTTO
di MARIA ANTONIETTA GERMANO – VITERBO – ViterbComix 2.0 incontra Babbo Natale nella Sala dell’ex chiesa degli Almadiani. Per l’occasione
Nell’alta Tuscia la prima dolce imbiancata dell’invernoLEGGI TUTTO
di Redazione – GROTTE DI CASTRO ( Viterbo) – I primi fiocchi di neve hanno accarezzato il manto dell’alta Tuscia.
ZTL del Centro Storico, sabato 15 dicembre prolungata fino alle ore 22LEGGI TUTTO
VITERBO – ZTL del settore Centro Storico (CS) estesa fino alle ore 22 di sabato 15 dicembre. Tale provvedimento, predisposto
Trasversale, Signori: “L’impegno di Zingaretti sul completamento si tramuti presto in realtà”LEGGI TUTTO
VITERBO – “Confidiamo che le rassicurazioni del governatore del Lazio, Nicola Zingaretti, sulla volontà della Regione di aprire quanto prima
Trasversale, Tortoriello (Unindustria): “Un ulteriore passo in avanti per la realizzazione della Orte-Civitavecchia”LEGGI TUTTO
VITERBO – “Oggi è una giornata importante per le imprese e per i cittadini della nostra regione visto che finalmente,