Sagra della pecora, Paola Re: “Mattanza al di là di ogni immaginazione”

VITERBO – Riceviamo da Paola Re e pubblichiamo: “Gentili signori e signore, ho appreso dai mezzi di informazione che dal 15 al 17 Luglio a Fabrica di Roma (VT) si svolgerà la 5° Sagra della Pecora http://www.eventiesagre.it/Eventi_Sagre/21125938_Sagra+Della+Pecora.html “Il profumo inconfondibile di ben 50mila arrosticini, deliziose ricette della tradizione, dimostrazioni sull’arte della lavorazione del formaggio e spettacoli musicali dal vivo: da 5 anni ormai,Fabrica di Roma celebra con la “Sagra della pecora” il suo passato contadino e la sua tradizione culinaria fatta di sapori forti, decisi e di materie prime di grande qualità (…) verranno serviti l’antipasto del pecoraro, gli gnocchi all’amatriciana e al castrato, la pecora alla brace, la coratella, le salsicce (anche di pecora), gli arrosticini e una specialità antica come la pecora “alla callara”, una ricetta che prevede una lunga cottura in un apposito paiolo di rame rendendo la carne talmente morbida da sciogliersi in bocca (…)”

“50.000 arrosticini sono un numero notevole che non riesco a tradurre in numero di vite sacrificate. E’ chiaro che questa sagra sia un appuntamento di richiamo ma l’interrogativo da porsi è su che cosa muova una località a concentrare tanta crudeltà in tre giorni. Una tale mattanza è al di là di ogni immaginazione.

“Definire un animale “carne talmente morbida da sciogliersi in bocca” significa non avere compreso chi ci sia dietro quella carne: un essere vivente e senziente del massacro a cui è sottoposto. Ciò che si scioglie in bocca sono le parole, difficili da trovare, come accade ogni volta che ci si trova di fronte a un dolore.

“Gli animali non sono “materie prime di grande qualità”. Casomai hanno grandi qualità, spesso non presenti negli esseri umani; il fatto è che ce ne ricordiamo soltanto quando abbiamo a che fare con gli animali cosiddetti “da affezione” ma anche quelli “da affettare” sono intelligenti, provano sentimenti ed emozioni.

“La “tradizione culinaria fatta di sapori forti, decisi” propone il sapore della morte; sangue, ossa, muscoli, nervi… tutto ciò che serve a vivere viene disintegrato in nome di un’abbuffata festaiola di fine settimana.

“E’ inaccettabile che si faccia festa dopo avere ucciso, trasformando un atto violento in un pretesto per organizzare un evento di successo.

“Mentre il mondo va verso un’altra direzione, privilegiando il consumo di cibo vegetale, le politiche economiche di certi enti locali restano aggrappate a una posizione granitica, basata soltanto sullo sfruttamento animale. Uno dei tanti studi sul futuro dell’alimentazione umana http://www.movimentoantispecista.org/dossier-alimentazione-umana-il-futuro-della ci fa capire che la strada da prendere è un’altra e mi auguro che Fabrica di Roma valuti di prenderla al più presto, stendendo un velo pietoso su questo macabro evento”.

A sostegno della lettera sopracitata, abbiamo ricevuto anche le mail della signora Serena Ruffilli, presidente L.I.D.A. Firenze Onlus e consigliere nazionale L.I.D.A., Membro del CAART – Coordinamento Associazioni Animaliste Regione Toscana, della signora Lucilla Mancini e della signora Daniela Cecchi, consigliere Lida, che scrive: “Sottoscrivo e condivido l’email della signora Paola Re, si continua imperterriti con questo totale disinteresse per gli esseri viventi (uccisie e maltrattati per  quello che alcuni chiamano “cibo”)…un tempo, neppure tanto lontano, c’era comunque una forma di rispetto, in diverse culture , per quei corpi sottratti alla vita per il nostro nutrimento….ora no, son diventati solo “cibo” da reclamizzare, vendere e sprecare!
Poi ci meravigliamo per tutta la violenza che c’è nel mondo:  guarda cosa c’è nel tuo piatto  e rifletti su chi sei…ognuno di noi è quello che mangia!”.

   

Articoli Correlati

POTREBBE ANCHE INTERESSARTI
Viterbo unita contro la mafia, senza se e senza maLEGGI TUTTO
di MARIA ANTONIETTA GERMANO – VITERBO – Questa è una giornata storica di resilienza per Viterbo che scende in piazza
A Bagnoregio borse di studio di 200 euro per i ragazzi delle scuole secondarieLEGGI TUTTO
BAGNOREGIO ( Viterbo) – Borse di studio per i ragazzi della scuola secondaria. Gli studenti residenti a Bagnoregio, con Isee
Cavese-Viterbese sulla web radio “Diretta Sport Viterbo”LEGGI TUTTO
VITERBO – Domenica 17 Febbraio dalle ore 14,00 nuovamente con i gialloblù sulla WEB-RadioVisione www.direttasportviterbo.it e su Tele Lazio Nord
“Manipolarte”, grande successo per il laboratorio al Museo della Ceramica della TusciaLEGGI TUTTO
VITERBO – L’iniziativa didattica dei laboratori “Manipolarte”, proposta dal Museo della Ceramica della Tuscia, ha avuto un grandissimo riscontro, registrando
Under 16 Elite, la Volley Ball Club Viterbo in finaleLEGGI TUTTO
VITERBO – Superando 3/1 Volley Anguillara la Vbc Viterbo si aggiudica la semifinale di ritorno e conquista l’accesso alla finalissima
Volley, in casa le squadre maggiori della Vbc ViterboLEGGI TUTTO
VITERBO – Doppio appuntamento con il volley regionale questo week-end al PalaVolley di via Gran Sasso. Questa sera (sabato 16)
A Viterbo una targa in ricordo del giornalista Gianfranco FaperdueLEGGI TUTTO
VITERBO – Erano i primi giorni di ottobre del 2018 e stava per lasciarci a 80 anni Gianfranco Faperdue. In
“CasAmica Onlus” cerca volontari a RomaLEGGI TUTTO
ROMA – CasAmica Onlus – organizzazione di volontariato che da oltre 30 anni accoglie i malati costretti a spostarsi in
Se n’è andato il giovane Luca Scarponi, stroncato da una malattiaLEGGI TUTTO
di MARINA CIANFARINI – VITORCHIANO ( Viterbo) – Aveva gli occhi ardenti di vita, Luca Scarponi, volato via a causa
Mafia, Signori (Confartigianato): “L’impegno che oggi assumiamo non rappresenta la necessità di un solo giorno”LEGGI TUTTO
VITERBO – Riceviamo da Stefano Signori (Presidente Confartigianato Imprese di Viterbo) e pubblichiamo: “L’impegno che oggi assumiamo non rappresenta la