25 Aprile: Confael, Lo spirito unitario che ha contraddistinto la Resistenza è fondamentale per superare le divisioni

ROMA- “L’Italia repubblicana dal 1945 in poi non è ancora riuscita a chiudere la pagina della Liberazione”. Lo afferma Domenico Marrella, segretario generale della Confael – Confederazione Autonoma Europea dei Lavoratori – in occasione delle celebrazioni per il 25 aprile.

“Le attività partigiane furono svolte e gestite da aderenti a tante idee politiche: liberali, comunisti, socialisti, cattolici-democristiani, azionisti, repubblicani – sottolinea ancora Marrella. – Ma quando si trattò di mettere in pratica gli atti conclusivi dell’azione partigiana, di fatto questa fu gestita da esponenti comunisti, e l’esito di tutta l’azione venne intestato solamente a questi ultimi. Questa operazione ha fatto sì che nel tempo le celebrazioni della Liberazione fossero identificate come esclusività della sinistra”.

“Quando celebriamo la Resistenza – prosegue il segretario generale della Confael, – dobbiamo per prima cosa ricordare lo spirito unitario che caratterizzò quel periodo: è ancora fondamentale per superare divisioni e strumentalizzazioni. E non dobbiamo dimenticare, anzi dobbiamo sempre essere grati agli Alleati e ai tanti giovani arrivati dall’altra parte del mondo, come molti soldati americani, che per la liberazione del nostro Paese dal 1943 al 1945 hanno lasciato sul campo 100mila morti” conclude Marrella.

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email
Condividi con:
LEGGI TUTTE LE NOTIZIE