5°Memorial Laura Nardoni, sesta giornata di gare: Inter e Zenit raggiungono Valencia e Benfica in semifinale

ARDEA (RM) – Con le gare valevoli per l’ultimo turno dei gironi B e D è andata in scena ieri la sesta giornata del Memorial Laura Nardoni, eventomemorial-nardoni fortemente voluto da Sandro Tovalieri per omaggiare il ricordo della moglie e promosso da Comune di Ardea e Regione Lazio. Venerdì 6 settembre è terminata la fase eliminatoria e si è delineata definitivamente la griglia delle semifinali. Ormai senza posta in palio la sfida che ha aperto il programma e ha visto la Tor Tre Teste calare il tris, nel finale, a spese dell’Aprilia con Dioguardi autore di una doppietta. A

seguire lo Zenit raggiungeva a fatica la doppia cifra contro la cenerentola Anziolavinio, portandosi provvisoriamente in vetta all’ultimo raggruppamento. Riflettori accesi e grande spettacolo a partire dalle 19.30, con Barcellona-Inter a stabilire la regina del secondo gruppo. A qualificarsi per il turno successivo sono stati i nerazzurri, trascinati da bomber Merola. In serata la Roma spreca il match point per raggiungere i ragazzi di Mandelli. Avanti di un gol contro l’Empoli già eliminato, i giallorossi si sono fatti rimontare nella ripresa dall’uno-due dei neo entrati Apolloni e Ricchi, spianando la strada verso la top four ai russi dello Zenit.

Oggi sono in programma le semifinali. La prima vedrà contrapposte Valencia e Benfica, con calcio d’inizio alle 19. A seguire Inter-Zenit San Pietroburgo. Precederà il menù serale, alle 17.30, un’amichevole a ranghi misti Juventus-Torino, il cui ricavato verrà devoluto interamente in beneficenza.

L’impianto che ospiterà la kermesse farà inoltre da sfondo ad eventi di beneficenza. Al Memorial Laura Nardoni è legata infatti un’attività di raccolta fondi che ha come unico scopo quello di permettere a ragazzi appartenenti a famiglie meno fortunate di frequentare la scuola calcio.

I fondi verranno raccolti attraverso donazioni personali, con memorial-nardoni2dei contenitori presenti nell’area del torneo e con del merchandising (magliette, felpe e cappellini con HELO, la mascotte del torneo) negli stand adiacenti l’impianto di gioco.

Il sito ufficiale della manifestazione www.memoriallauranardoni.it proporrà le cronache e le sintesi video di tutte le partite. Sono inoltre sempre attivi il canale Youtube e i profili Facebook e Twitter dedicati al torneo.

Il quadro dopo la sesta giornata Risultati 1^ Giornata – Girone A: Juventus-Frosinone 3-0; Racing Club-Valencia 2-3. Girone C: Atalanta-Lodigiani 3-0; Benfica-Torino 2-1 Risultati 2^ Giornata – Girone B: Inter-Aprilia 6-2; Barcellona-Tor Tre Teste 3-0. Girone D: Anziolavinio-Empoli 0-14; Roma-Zenit San Pietroburgo 3-3 Risultati 3^ Giornata – Girone A: Frosinone-Valencia 0-8; Juventus-Racing Club 7-0. Girone C: Benfica-Lodigiani 1-0; Torino-Atalanta 2-2 Risultati 4^ Giornata – Girone B: Barcellona-Aprilia 5-0; Inter-Tor Tre Teste 4-0. Girone D: Roma-Anziolavinio 13-0; Zenit San Pietroburgo-Empoli 1-0 Risultati 5^ Giornata – Girone A: Frosinone-Racing Club 1-4; Valencia-Juventus 6-1. Girone C: Torino-Lodigiani 2-0; Atalanta-Benfica 0-4 Risultati 6^ Giornata – Girone B: Tor Tre Teste-Aprilia 3-0; Barcellona-Inter 1-2. Girone D: Anziolavinio-Zenit San Pietroburgo 0-10; Empoli-Roma 2-1 Classifica Girone A: Valencia 9, Juventus 6, Racing Club 3, Frosinone 0 Classifica Girone B: Inter 9, Barcellona 6, Tor Tre Teste 3, Aprilia 0 Classifica Girone C: Benfica 9, Torino 4, Atalanta 4, Lodigiani 0 Classifica Girone D: Zenit San Pietroburgo 7, Empoli 6, Roma 4, Anziolavinio 0 Classifica Marcatori – 6 Merola (Inter) 4: Fogli (Empoli), Cappetta (Juventus), Fran (Valencia), Moises (Valencia) 3: Martinez (Barcellona), Apolloni (Empoli), Matteoni (Empoli), Petova (Empoli), Ambrosecchio (Roma), Pezzella (Roma), Piscitelli (Roma), Alex (Valencia), Bachinskiy (Zenit), Kolchunov (Zenit) 2: Cambiaghi (Atalanta), Portas (Barcellona), Batista (Benfica), Ferreira (Benfica), Kean (Juventus), Taurisano (Juventus), Visim (Inter), Cipriani (Racing Club), Pezone (Racing Club), De Angelis (Roma), Mastromattei (Roma), Dioguardi (Tor Tre Teste), Kulev (Zenit), Tarasov (Zenit) 1: Follo (Aprilia), Fusser (Aprilia), Cavalli (Atalanta), Losa (Atalanta), Piantoni (Atalanta), Kabashi (Barcellona), Poveda (Barcellona), Ruiz (Barcellona), Sanchez Sendra (Barcellona), Alvaro (Benfica), Matos (Benfica), Nobrega (Benfica), Canestrelli (Empoli), Canestrelli (Empoli), Ricchi (Empoli), Toti (Frosinone), Cannella (Juventus), Nicolussi (Juventus), Mastromonaco (Inter), Mendoza (Inter), Schirò (Inter), Tchetchoua (Inter), Alfarone (Racing Club), Della Vecchia (Racing Club), Del Signore (Roma), Filoia (Roma), Nesta (Roma), Trasciani (Roma), Ekra (Torino), Faure (Torino), Gonella (Torino), Millico (Torino), Samake (Torino), Loi (Tor Tre Teste), Carlos (Valencia), Ferran (Valencia), Koke (Valencia), Sanchis (Valencia), Sergio (Valencia), Vadik (Valencia), Chibisov (Zenit), Ivankov (Zenit), Vlasov (Zenit). TOR TRE TESTE-APRILIA 3-0 TOR TRE TESTE (4-3-3): Lorusso (4’st Martina), Colacicchi (4’st De Sanctis), Ciotti, Mafferi (27’st Berlutti), D’Auria; Angeli (12’st Pasquali), Guerrieri, Gallegati (4’st Loi); Lampis, Mantelli (16’st Fagioli), Madonna (4’st Dioguardi). All. Leva APRILIA (4-2-3-1): Manasse (1’st Marelli), Longobardi, Milanese, Mazzaroppi (10’st Picchi), Sciarra; Giurelli, Muccio; Trinca (18’st Sicari), Massà (24’st Zanellato), Maciariello; Facci (20’st Follo). A disp.: Trincia. All. Marrone ARBITRO: Buhagiar MARCATORI: 28’st, 34’st Dioguardi, 33’st Loi NOTE: Ammoniti: De Sanctis. Angoli: 7-2. Tiri: 17-4. Fuorigioco: 1-1. Recupero: 2’st. E’ la Tor Tre Teste ad aggiudicarsi la sfida tra le formazioni estromesse in anticipo dalla corsa verso le semifinali nel girone B.

I capitolini hanno avuto ragione dell’Aprilia soltanto nelle battute finali, trovando nel giro di sette minuti quei gol che gli erano mancati nell’arco dell’intero torneo. Ad aprire e chiudere i conti Dioguardi, autore di una doppietta tutta mancina intervallata dalla conclusione a giro di Loi. ANZIOLAVINIO-ZENIT SAN PIETROBURGO 0-10 ANZIOLAVINIO (3-4-3): Tohoukpin (1’st Statello), Rinaldi, Fenu, Arena (12’pt De Gennaro); Ruggeri, Torresan (6’st Duvadov), Petrocelli, La Monaca; Baratti (11’st Catania), Bilussa (1’st Di Magno), Alberici. A disp.: Florio. All. Toselli ZENIT SAN PIETROBURGO (4-1-4-1): Kalichava, Tses (26’pt Kuvaev), Ivankov, Chibisov, Molchan (33’pt Sultonov); Shepelev; Tarasov, Bachinskiy, Kolchunov, Vlasov; Kulev. A disp.: Maksimov, Fattakhov, Sergeev, Zamuraev. All. Tikhomirov ARBITRO: Singh MARCATORI: 3’pt Vlasov, 5’pt, 13’st Tarasov, 13’pt La Monaca aut., 18’pt, 25’st Kolchunov, 16’st, 34’st Bachinskiy, 18’st Ivankov rig., 28’st Chibisov NOTE: Ammoniti: Petrocelli. Tiri: 0-29. Angoli: 0-7. La matricola Zenit San Pietroburgo è la terza semifinalista del 5° Memorial Laura Nardoni. Come da pronostico, i russi hanno avuto facilmente ragione dell’Anziolavinio e, approfittando del successo dell’Empoli ai danni della Roma, si sono guadagnati la possibilità di sfidare l’Inter nel penultimo atto della rassegna. Tutto facile per i ragazzi di Tikhomirov al cospetto dei neroniani. A spianare la strada la rete in apertura dei Vlasov, seguita dalle doppiette di Tarasov , Kolchunov e Bachinskiy, intervallate a loro volta dalla sfortunata autore di La Monaca, e dalle firme di Ivankov (dal dischetto) e Chibisov. BARCELLONA-INTER 1-2 BARCELLONA (4-3-3): Rojas Prat (1’st Bermejo), El Kabbou, Comas, Mogente (17’st Marcos), Rojas Castilla (29’st Altimira); Vadell (1’st Dominguez), Martinez Ros, De Vega; Sanchez Sendra (1’st Kabashi), Portas (29’st Lederman), Martinez Gil (14’st Molina). All. Silva Puig INTER (4-4-2): Aglietti, Montecchio, Airaghi, Comina, Lunghi; Patacchini (29’st Mastromonaco), Battilana, Schirò, Gemmi; Merola, Visim (17’st Tchetchoua). A disp.: Spada, Grassini, Pennati, Tagliabue, Gouem. All. Mandelli ARBITRO: Ferrari MARCATORI: 10’pt Schirò (I), 30’pt Martinez Gil (B), 32’st Merola (I) NOTE: Tiri: 8-11. Angoli: 0-2. Fuorigioco: 0-1. Recupero: 3’st. L’Inter riporta sulla Terra i marziani del Barcellona e vola in semifinale. Grande prova dei ragazzi di Mandelli, capaci di regolare i quotati rivali spagnoli con una rete per tempo. A sbloccare i conti era il perfetto destro a giro di Schirò al decimo, annullato alla mezz’ora dalla girata sottomisura del talentuoso Martinez Gil.

Nella ripresa i nerazzurri legittimavano la supremazia territoriale con il sesto gol nella rassegna di bomber Merola, lesto nel ribadire in fondo al sacco la corta respinta di Bermejo.

EMPOLI-ROMA 2-1 EMPOLI (4-3-3): Martinelli, Ferretti (24’pt Bozzi), Matteucci, Carlucci, Casanova; Marconcini (8’st De Carlo N.), Perretta (36’st Langella), Canestrelli (28’st Viligiargi); Noccioli (5’st Apolloni), Fogli (12’st Ricchi), Petova. All. Orsini ROMA (4-3-3): Pagliarini, Trasciani, Barbarossa, Di Giacomo, Falbo (28’st Valentino); D’Orazio, Pezzella, Zitelli (24’st Filoia); Piscitelli (20’st Nesta), Del Signore (28’st Ambrosecchio), De Angelis. A disp.: Zamarion, Spaltro, Borghi. All. Mattei ARBITRO: Laudando MARCATORI: 12’pt Piscitelli (R), 14’st Apolloni (E), 16’st Ricchi (E) NOTE: Espulso: al 36’st Trasciani (R) per proteste. Ammonito: Petova, Barbarossa, Di Giacomo, Ricchi, Martinelli, Viligiargi. Tiri: 7-21. Angoli: 2-3. Fuorigioco: 1-1. Recupero: 1’pt. 1’st.

La Roma fa harakiri e saluta anzitempo il torneo. Costretti a vincere per scavalcare lo Zenit, al cospetto di un Empoli già fuori dai giochi, i giallorossi partono con l’acceleratore premuto e sbloccano la gara al 12’ con il diagonale preciso di Piscitelli. Dopo aver fallito più volte la chance per il raddoppio, gli uomini di Mattei subivano la clamorosa beffa nella ripresa quando, nell’arco di 120 secondi, i neo-entrati Apolloni e Ricchi regalavano i tre punti ai toscani.

Questo il programma completo della manifestazione Semifinali – 7 settembre: Valencia-Benfica (19.00); Inter-Zenit San Pietroburgo (20.45) Finali – 8 settembre: 3° – 4° posto (19.00); 1° – 2° posto (20.45)

   

Leave a Reply