A Proceno il ricordo delle Twin Towers di New York: fotografie e parole di Alfredo Mariani

PROCENO (Viterbo) – Nella Sala del Consiglio di Palazzo Sforza, alla presenza del Sindaco Roberto Pinzi, di altri esponenti dell’amministrazione comunale e di un pubblico di appassionati di cultura e storia contemporanea, si è svolta la scorsa domenica 11 settembre a Proceno la conferenza dedicata al ricordo delle Twin Towers di New York.

Il prof. Alfredo Mariani, autore anche delle fotografie esposte nella mostra allestita nell’antico palazzo e nell’ambito della manifestazione “Pentalogia”, ha illustrato le caratteristiche storiche, costruttive, architettoniche ed urbanistiche delle torri, oltre a raccontare significativi momenti della loro vita.

“E’ chiaro che si tratta di una visione personale e quindi parziale, legata agli anni in cui quelle torri le ho frequentate e vissute”, ci dice Mariani. Ma sono ricordi così forti, e così forte è stato l’impatto di quello che è accaduto con la tragedia della loro distruzione, che l’autore ha voluto tener fede all’impegno che milioni di persone presero quel giorno, e che divenne uno slogan legato alle immagini dei due grattacieli: “non dimenticare”.

“E’  per non dimenticare che esattamente da 20 anni allestisco questa mostra, che ormai è giunta alla sua centesima esposizione. Non dimenticare la loro bellezza ma anche le persone che quella bellezza l’hanno creata e alla quale hanno dato vita ogni giorno con la loro presenza e il loro lavoro. Non dimenticare un’epoca, rappresentata dai 30 anni della loro esistenza, che pur con i suoi chiaroscuri è stata importante per tutto il mondo e sicuramente migliore di quella che stiamo vivendo adesso, che dal disastro delle Twin Towers ha avuto inizio”. Le parole di Alfredo Mariani hanno attratto l’attenzione dei presenti per oltre due ore, ed in particolare quando ha affermato che questa di Proceno potrebbe essere l’ultima tappa del percorso ventennale della sua esposizione: “non perché si tratti di una tappa di conclusione, ma anzi perché potrebbe diventare il luogo della esposizione permanente di queste immagini. A Proceno ho trovato una accoglienza e una sensibilità ai temi della cultura che mi hanno indotto a pensare di far diventare questo piccolo e meraviglioso paese, ricco di spazi di grande bellezza,  la sede definitiva di questa mostra e di queste fotografie. Chi vorrà vederla potrà venire qui -e non dimentichiamo che Proceno è una delle tappe della Via Francigena, che quindi si arricchirebbe di un ulteriore elemento di interesse-, e qui ogni 11 settembre celebreremo il ricordo come abbiamo fatto oggi, cioè parlando della vita delle Twin Towers e non della loro morte”.

Il Sindaco Roberto Pinzi ha accettato di buon grado la proposta e l’ha immediatamente rilanciata con una nuova iniziativa: quella di accompagnare, con una delegazione di cittadini procenesi, Alfredo Mariani nel suo prossimo viaggio a New York, dove si recherà appunto per completare la mostra con le immagini della ricostruzione del World Trade Center e della sua incredibile Freedom Tower, che ha preso il posto delle torri: “Mariani ci ha presentato così tanti aspetti non solo delle Twin Towers ma di tutta la città che le ospita che un viaggio in quel luogo avrà il valore non soltanto di un interesse turistico ma di un vero e proprio approfondimento culturale. Così come tante altre saranno le proposte culturali che proverranno dal nostro piccolo borgo, rivolte a tutti gli studiosi, gli appassionati, gli intellettuali d’Italia e del mondo. La qualità della vita delle singole persone e il loro intrecciarsi nei fenomeni sociali, dai più semplici ai più complessi, non possono che basarsi su una cosa: la cultura, la sua conoscenza, il suo riconoscimento. Sono i primi valori che dobbiamo trasmettere alle nuove generazioni”.

Print Friendly, PDF & Email