A Viterbo nasce AGAR, il tavolo di lavoro sulla medicina di genere e i maltrattamenti femminili

VITERBO – Si è costituito a Viterbo un tavolo di lavoro sulla medicina di genere e sui maltrattamenti alle donne, più frequenti di quanto comunemente si pensi, spesso in forma subdola, e troppo spesso derubricati a semplice problema emotivo quando invece lasciano cicatrici profonde a livello neurobiologico che spesso si traducono in un profondo disagio esistenziale.

Promosso dal Centro Studi Criminologici, dall’Ordine dei Medici e dall’Assessorato alle Politiche Sociali del Comune di Viterbo, il gruppo di lavoro, che riunisce diversi professionisti della salute mentale, si è dato il nome di AGAR (Amore Genere Attenzione Rispetto), come la schiava con cui il patriarca Abramo generò Ismaele per poi abbandonare entrambi nel deserto, simbolo della subordinazione millenaria della donna, tramandata dalle grandi religioni monoteiste e insita nella maggior parte delle culture umane.

AGAR  intende dare vita a iniziative di studio nell’ambito della medicina di genere, sia con finalità di approfondimento e ricerca che per promuovere attività di prevenzione sociale, come il seminario “Il contributo delle neuroscienze allo studio del disturbo post-traumatico da stress nelle donne vittime di abusi” che si terrà mercoledì 13 marzo, in occasione della Settimana del cervello, alle 17:00 presso la sede del Centro Studi Criminologici di Viterbo in Piazza San Francesco 2.

Il seminario, che affronterà il tema delle conseguenze degli abusi sulle funzioni cognitive (memoria, attenzione, concentrazione, comprensione), vedrà la partecipazione di docenti e ricercatori dell’Università Sapienza e dell’Istituto Superiore di Sanità.

Ulteriori informazioni sul programma, i relatori e le modalità di partecipazione sono disponibili sul sito www.criminologi.com.

Print Friendly, PDF & Email