Acquapendente, finanziato il progetto “Mani tese” a favore della popolazione ucraina sul territorio comunale

ACQUAPENDENTE ( Viterbo) – “Andiamo avanti senza polemiche, solo con in mente la risoluzione delle problematiche ed il perseguimento dei nostri obiettivi per il bene comune”. Così la sindaca Alessandra Terrosi: “Finanziato dal Consiglio Regionale del Lazio il progetto “Mani Tese”, proposto dal Comune di Acquapendente per interventi a favore della popolazione ucraina nel territorio comunale. Il contributo di € 13.500 andrà a finanziare dei corsi di lingua italiana e la partecipazione gratuita alle attività ricreative per i minori. Un importante risultato per facilitare il processo di integrazione dei cittadini ucraini attualmente accolti sul territorio comunale, che integra e potenzia le altre azioni intraprese nel percorso di accoglienza dell’Amministrazione Comunale, dagli Uffici preposti e dai numerosi cittadini che volontariamente hanno offerto il proprio tempo e le proprie idee, mettendosi a disposizione dell’Amministrazione Comunale e mostrando partecipazione ed un forte senso civico. Ricordiamo alla cittadinanza, anche in risposta alle recenti illazioni del Gruppo consiliare di minoranza “Insieme per Cambiare”, che a seguito del Consiglio straordinario del 7 Marzo, durante il quale sono state approvate all’unanimità due mozioni per la pace, il Comune di Acquapendente ha messo in atto le seguenti azioni volte a garantire l’accoglienza della popolazione ucraina sul territorio comunale, come da indicazioni della Prefettura di Viterbo:

1) Attivazione di una mail dedicata (emergenzaucraina@comuneacquapendente.it) per ricevere informazioni riguardo la possibilità di ospitare o per altre comunicazioni e/o richieste di vario genere connesse all’emergenza ucraina;

2) Predisposizione di un elenco di cittadini aquesiani disposti ad accogliere, in caso di emergenza abitativa profughi ucraini;

3) Coordinamento della raccolta di generi alimentari e distribuzione grazie alla collaborazione con Auser e Caritas;

4) Organizzazione di un punto di raccolti fondi e medicinali presso la Biblioteca Comunale, per il tramite della Croce Rossa Italiana Sezione di Acquapendente, con la collaborazione della Farmacia Catocci;

5) Trasmissione dei dati dei cittadini ucraini ospitati ai preposti Uffici della Prefettura e della Questura di Viterbo;

6) Supporto ai cittadini ucraini in arrivo presso il Nostro Comune nell’adempimento degli obblighi sanitari secondo la normativa anti Covid 19;

7) Supporto nelle operazioni di trasporto dei profughi ucraini, in caso di impossibilità al raggiungimento autonomo del Nostro Comune, anche attraverso personale Comunale;

8) Attivazione immediata, grazie alla fattiva collaborazione con la Dirigenza dell’Istituto Omnicomprensivo Leonardo Da Vinci, della possibilità di iscrizione per i cittadini ucraini in età scolare ospiti nel territorio comunale;

9) Immediata presa dei contatti e facilitazione dei rapporti tra cittadini ucraini ed ASL per problematiche relative all’accoglienza incluso rilascio STP. Non è+ abitudine dettagliare quanto l’Amministrazione e gli Uffici comunali si impegnino per risolvere situazioni dei emergenza o per garantire la quotidiana gestione della Nostra Città, preferiamo fare, raggiungere obiettivi e seguire la strada che ci sembra migliore per la cittadinanza tutta. Il finanziamento del progetto “Mani Tese” è una tangibile rappresentazione di tutto questo, un obiettivo fissato e raggiunto che permetterà ai cittadini ucraini ospitati nel Nostro Comune di sentirsi ancora più parte della Nostra Comunità”.

Print Friendly, PDF & Email