Acquapendente, i consiglieri di minoranza: “Non c’è stato alcun recupero della Fiera delle Campanelle”

ACQUAPENDENTE (Viterbo) – “Altra promessa non mantenuta: in estate non è avvenuto il recupero della Fiera delle Campanelle”. Nuovo attacco alla Giunta aquesiana targata Alessandra Terrosi da parte dei consiglieri di minoranza Federica Friggi, Alessandro Brenci, Domitilla Agostini, Valentina Sarti. Questo il comunicato: “Il 22 aprile 2022 è stato pubblicato un comunicato della nostra Sindaca in cui affermava “la tipologia di manifestazione e la natura dei luoghi interessati, purtroppo, non hanno consentito in tempi così brevi l’organizzazione e lo svolgimento della fiera […] con rammarico dobbiamo rinunciare almeno per ora: vorremmo infatti coordinarci con gli operatori fieristici e con i commercianti aquesiani per ipotizzare il recupero della Fiera delle Campanelle edizione 2022, in estate […]” Oggi 23 settembre possiamo considerare conclusa l’estate e, come tutti gli Aquesiani avranno notato, non c’è stato alcun recupero della Fiera delle Campanelle. Potreste giustamente osservare che l’amministrazione comunale aveva ipotizzato un recupero ma non lo aveva assicurato. Su questo siamo d’accordo, peccato però che non si sia mai coordinata con operatori fieristici e commercianti per valutare se e come riproporre la Fiera delle Campanelle in estate. Infatti ci siamo messi in contatto con alcuni commercianti ed alla domanda “siete stati contattati dall’amministrazione comunale per organizzare la Fiera delle Campanelle in estate?” la risposta, che non ci ha sorpreso, è stata “No!” Vi ricordiamo che si tratta della stessa amministrazione che in campagna elettorale si è presentata ai cittadini dicendo di volere “una programmazione delle attività culturali e delle manifestazioni unitaria e coerente” e di voler essere “il supporto alle attività commerciali e ricettive”.

Print Friendly, PDF & Email