Acquapendente: i consiglieri di minoranza richiedono di modificare la delibera di giunta comunale sui finanziamenti

Acquapendente- I consiglieri di minoranza Franco Ferri, Sergio Iacoponi, Aldo Bedini, Alessandro Brenci richiedono al Sindaco di Acquapendente Alberto Bambiniacquapendente ed alla Presidente della Commissione Consiliare Pubblica Istruzione Dottoressa Claudia Pelosi di modificare la Delibera di Giunta Comunale N° 91 del 19 Giugno 2013 avente come oggetto “Richiesta di finanziamenti vari interventi di pertinenza servizi tecnici a valere leggi regionali. Esercizio

finanziario 2013. Incarico al Sindaco”. “Con l’atto in oggetto”, “la Giunta Le ha conferito mandato di richiedere alla Regione Lazio, a valere sulle specifiche leggi regionali, contributi per la realizzazione di numerose opere ritenute necessarie nel territorio.

Trattasi di un atto avente carattere periodico, che si rinnova quasi sistematicamente ogni anno, con una ripetizione sistematica di richieste di finanziamento che per la maggior parte sono condivisibili.

Su una richiesta, tuttavia, gli scriventi non sono d’accordo come già avuto modo in passato durante incontri in Commissione : la richiesta di finanziamento di un nuovo complesso scolastico per la scuola dell’obbligo in Località Palazzo, con un impegno finanziario di notevoli dimensioni. Le ragioni per le quali ci teniamo a partecipare la Nostra contrarietà vengono di seguito specificate: 1) Una scelta di simile portata dovrebbe, a Nostro parere, essere sottoposta preliminarmente alla valutazione di tipo referendario tra la popolazione, in quanto comporta uno sconvolgimento del modello “PAESE” oggi in essere, con tutte le conseguenze facilmente prevedibili per le famiglie attesa la notevole distanza dal centro storico; 2) Una siffatta scelta, è inutile nasconderselo, determina la “morte” civile del centro storico con tutte le conseguenze facilmente immaginabili per le varie attività di ogni specie, peraltro già duramente provate dalla attuale crisi economica finanziaria; 3) Detta scelta, contraddice quanto già è stato effettuato per la messa in sicurezza dell’edificio scolastico della Scuola Elementare in Piazza della Costituente, con una spesa complessiva di € 702.486,56 oltre agli inconvenienti sopportati dalla popolazione scolastica durante una esecuzione dei lavori sulla quale abbiamo già avuto modo di esprimerci, compresi i rischi che sono stati corsi da alunni, insegnanti e genitori; 4) Una definitiva decisione in materia consente una chiarificazione urbanistica in Località Palazzo, ponendo termine alle ripetute concessioni temporanee di verde attrezzato (riferimento Delibere Giunta Comunale 71/2013 e 61/2013), che è importante deve cessare, eliminando così situazioni temporanee poco chiare. Queste, a Nostro parere, le ragioni per le quali la Delibera di Giunta deve essere modificata con conseguente variante urbanistica della zona interessata. A sostegno della Nostra richiesta ci sia consentito citare l’impegno che la nuova Amministrazione Comunale di Viterbo ha riposto nella rivitalizzazione del centro storico, partendo proprio da una concreta azione di riqualificazione del contesto scolastico esistente, ponendo in essere un modus operandi diametralmente opposto alla scelta posta a base della richiesta di finanziamento regionale di cui chiediamo l’annullamento. Data l’importanza della questione, chiediamo che la stessa venga sottoposta all’esame e decisione finale del Consiglio Comunale in occasione delle prossima riunione, previo passaggio in Commissione consiliare”.

   

Leave a Reply