Acquapendente, i Pugnaloni: Torre Julia de Jacopo

Nessuna vittoria ma tanti buoni piazzamenti per i bianco-rossi della Torre Julia de Jacopo chi diedero alla luce nel 1985 l’attuale formazione. Due i secondi posti: nell’anno del battesimo con il bozzettista Marcello Rossi e cinque anni dopo con il bozzettista Roberto Forlini . Ben cinque i quarti posti: 1997 (bozzettista Gabriele Mazzuoli), 2001 con il bozzettista Ivano Goracci (relazione “…Credo che il più grande dono che Dio chi ha dato sia la libertà di scelta. Ora che la luce e il colore di un fiore mi ha fatto aprire gli occhi, sta a me decidere se restare indifferente o ricominciare da qui una nuova vita…ricominciare tutto partendo da un semplice fiore”, 2003 con lo stesso bozzettista (relazione “Si era detto che dopo la caduta del muro di Berlino si sarebbe aperta una nuova stagione di pace e di sviluppo…Si era detto che il nuovo ordine mondiale avrebbe cancellato le guerre dalla faccia della terra…Ma nella guerra del Golfo hanno perso la vita più di 300 mila uomini…In Afghanistan, Cecenia, Ruanda, India, Pakistan, e Timor Est, le armi non hanno mai smesso di tacere…Ed ora l’Iraq…E di nuovo morti…Di nuovo desolazione…Ed ancora morte…Bambini che piangono…Donne che urlano…Uomini feriti…Mutilati…Straziati…Scoppi assordanti…Lampi accecanti…Spostamenti d’aria inauditi…Schegge e detriti che volano dappertutto…Ed ancora morti…Urla…Devastazione…Morte… Ed ancora morte…Sangue…Orrore…Orrore dappertutto…Soldati morti…Urla…Devastazione…Morte…Ed ancora morte…Sangue…Orrore…Orrore dappertutto…Soldati feriti…Uccisi…Straziati…Soldati che non sanno neanche il perché sono li…HO VOGLIA DI URLARE VOMITARE ED ANCORA URLARE CON QUANTO FIATO HO IN GOLA…PERCHE…PERCHE’TUTTO QUESTO…PER IL POTERE ? PER LA RELIGIONE ? PER COSA ? SIGNORE CHE CI HAI CREATI E CI HAI MESSI AL MONDO, FERMACI!!FERMALI!1”, 2015 (bozzettista Silva Marignoli) relazione “Dalle tue radici rinascerò e troverò la forza per alzare lo sguardo. Insieme ai miei fratelli mi affiderò a te con fiducia. Dai tuoi fiori trarrò la forza fino a giungere alla resa dei miei oppressori”, e l’anno dopo con la stessa bozzettista e la citazione di Samuel Taylor Coleridge “Se un uomo non si eleva per diventare un angelo, affonda per diventare un diavolo”. Un quinti posto nel 2019 con la stessa che cita nella relazione un testo di Lorenzo Cherubini Jovanotti e Riccardo Onori “…Viva la Libertà ! Parola magica, mettila in pratica. Senti che bella è, quanto è difficile. E non si ferma mai, non si riposa mai. Ha mille rughe ma è sempre giovane. Ha cicatrici qua, ferite aperte la, Ma se ti tocca lei guarirà…La voglio qui per me, la voglio qui per te. La voglio anche per chi non la vuole per sé. Tempi difficili, a volte tragici. Bisogna crederci e non arrendersi. Viva la libertà…” Grazie alla nostra storia quella Luce ancora oggi ci rende liberi !”. Quattro i sesti posti : 1992 (bozzettista Valentina Pelo), 1995, 1998, 2002 (bozzettista Ivano Goracci). Hanno fatto la storia del Gruppo Roberto Mencarelli (bozzettista), Andrea Bartoleschi (capogruppo), Cinzia Ceccolungo (capogruppo), Andrea Buzzico (capogruppo), Mariano Capra (capogruppo), Silvia Bartolomei (bozzettista), Ludovica Ronca (capogruppo).
NUOVA TORRE-TORRE JULIA DE JACOPO: PRIMA RIVALI ORA AMICI
Una delle più belle rivalità di inizio ventunesimo secolo prima di confluire in un unico soggetto Bianco-rossi Nuova Torre e blu-granata Torre Julia de Jacopo uniti comunque da un unico destino: onorare la Madonna del Fiore. Tutti assieme fino al 1982, poi da separati nel 1985, per finire di nuovo assieme nel 2010 Nel 2000 la Nuova Torre punta sul bozzettista Ivano Goracci e sul capogruppo Gabriele Mazzuoli ma non entra tra i magnifici sei. La Torre Julia sul bozzettista Roberto Mencarelli e sul capogruppo Andrea Bartoleschi, ma il risultato non cambia. Nel 2001 la Nuova Torre mantiene lo stesso bozzettista ma cambia il capogruppo (Cinzia Ceccolungo): arriva un quarto posto (leggasi relazione sopra). Fuori dai sei ancora la Torre Julia de Jacopo con lo stesso binomio. Indimenticabile il 2002 per i due Gruppi. Trionfo della Torre Julia de Jacopo con Mencarelli (relazione “Un semplice caleidoscopio: del cartone, uno specchio e tanti vetri colorati. Ogni parte, ogni colore, da solo non genera niente ma tutti insieme creano qualcosa di magico. C’è un modo semplice di vedere le cose: credere che uomini di colore, di religione, di culture diverse fra loro possono vivere insieme. Ognuno porta con se la “unicità” e nel rispetto reciproco sarà forte grido di pace” La risposta della Nuova Torre è il sesto posto con il bozzettista Goracci che annuncia nella relazione “O Maria, Santa Maria del Fiore, Aiutaci, aiutaci come aiutasti gli aquesiani in quel lontano Maggio del 1166, aiutaci a liberarci dai viscidi tentacoli del “Male”, da quel Male che è entrato dentro di Noi, da quel Male che tutto avvolge e distrugge, da quel Male che spinge una madre ad uccidere il figlio, da quel male che spinge un figlio ad uccidere il padre o la madre, da quel male che spinge ad un uomo ad uccidere un suo simile solo per diversità di pensiero o religione. DACCI UN SEGNO un qualcosa che riscaldi la nostra anima e faccia rinascere in noi la speranza che ci restituisca la voglia di lottare TI PREGO AIUTACI”. Quarto posto per la Nuova Torre nel 2003 con Goracci (leggasi relazione sopra), fuori dai primi sei la Torre di Mencarelli. Dal 2004 scende in campo solo la Nuova Torre di Goracci (fuori dai primi sei). Così anche nel 2005, 2006, 2007 (nessun bozzettista ma collettivo di gruppo) e 2008. I risultati non proprio eclatanti inducono la Nuova Torre alla ricerca di nuova linfa-lavoro, Per tutto il 2009 si sviluppano contatti con la Julia per la fusione. Niente Pugnalone per entrambe nel 2009, ma solo per rivivere tutti assieme appassionatamente dal 2010 una nuova avventura sotto l’egida Torre Julia de Jacopo e festeggiare con sempre più entusiasmo tre meritatissimi piazzamenti

 

 

Print Friendly, PDF & Email
Condividi con:
LEGGI TUTTE LE NOTIZIE