Acquapendente, la presentazione dei candidati consiglieri

ACQUAPENDENTE ( Viterbo) – Riceviamo e pubblichiamo: “Presentiamo ufficialmente i 24 candidati consiglieri alle elezioni comunali in programma domenica 3 e lunedì 4 ottobre. Annalisa Bredi vive a Torre Alfina ha 34 anni e una laurea magistrale in Lingue e culture per la comunicazione internazionale. ”Mi sono candidata a fianco di Alessandra Terrosi – sottolinea – perché credo che per fare di più, per fare meglio e per valorizzare l’immenso tesoro che abbiamo tra le mani sia necessario mettersi in gioco, collaborare, far nascere sinergie e armonie che possano esaltare e ottimizzare le nostre potenzialità”. Damiano Paoletti ha 37 anni ed è  un archeologo dopo aver conseguito la laurea magistrale in Archeologia presso l’Università degli Studi della Tuscia “ Mi sono candidato a fianco di Alessandra Terrosi con l’obiettivo di dar voce alle tracce che le società del passato ci hanno lasciato, per creare quell’eredità culturale che dovrà essere alla base della futura promozione del nostro patrimonio”. Glauco Clementucci ha 42 anni ed  è Ispettore della Polizia di Stato in servizio presso il Commissariato di Orvieto e frequenta il terzo anno della laurea magistrale in Giurisprudenza “Mi sono candidato a fianco di Alessandra Terrosi perché amo profondamente il mio paese e le persone che lo abitano, così come le donne e gli uomini che compongono la nostra lista, e ho trovato nel nostro candidato sindaco grande competenza, esperienza e capacità di ascolto. Metterò a disposizione di tutti le mie conoscenze e competenze in campo ambientale per uno sviluppo sostenibile, per la sicurezza e la salvaguardia dei cittadini e del territorio di Acquapendente”. Loriano Ronca ha 38 anni. “Ho accettato la proposta di Alessandra Terrosi di candidarmi per la lista Immagina Aquesio per la profonda stima che mi lega a lei e perché sono innamorato del paese che mi ha visto nascere e crescere Sono un muratore e da cinque anni sono socio nell’impresa per la quale ho sempre lavorato”. Maria Chieffo  classe 1990, dopo aver conseguito la maturità linguistica, si è iscritta alla Facoltà di Giurisprudenza presso l’Università degli Studi di Siena. “Scendo in campo a fianco di Alessandra Terrosi  perché immagino un paese dove ognuno possa esprimere le proprie inclinazioni, una comunità nella quale nessuno venga lasciato indietro e che metta in risalto tematiche quali la tutela dell’ambiente e degli animali”. Massimo Pallotti ha 59 anni ed è un medico attualmente in servizio nell’emergenza territoriale ARES 118 di Viterbo e provincia “Mi sono canidato nel bellissimo gruppo che affianca di Alessandra Terrosi  perché vivendo da 21 anni in questo paese mi ci sono sono profondamente affezionato e per la qual cosa sono convinto di poter dare un valido contributo”. Mauro Bellavita ho 52 anni ed è titolare di una scuola guida da circa venti e nell’ultimo anno ha intrapreso un nuovo percorso lavorativo nel mondo della scuola, come docente di scuola primaria “Mi sono candidato a fianco di Alessandra Terrosi perché sono nato e cresciuto ad Acquapendente. Qui ho alimentato il mio impegno sociale nel mondo del volontariato e dell’associazionismo, convinto che la partecipazione attiva sia il modo migliore per impiegare il proprio tempo e la propria esperienza a favore della comunità. Il mio percorso amministrativo è stato caratterizzato dal medesimo fine: mettermi a disposizione della cittadinanza e dei suoi bisogni. Obiettivo, questo, che mi ha spinto a proseguire su questa strada, al fianco di Alessandra Terrosi, per continuare a strutturare nuove azioni, progetti e proposte per la nostra città, insieme alla bellissima squadra di cui faccio parte” . Monica Putano Alias Bisti ha 27 anni ed è assistente sociale e lavora presso la RSA San Giuseppe di Acquapendente. “Mi sono candidata a fianco di Alessandra Terrosi perché voglio continuare a schierarmi dalla parte delle persone, ascoltandole, coinvolgendole e percependole come risorsa preziosa per la nostra comunità. Insieme immaginiamo, costruiamo e facciamo rivivere il nostro paese. Non chiediamoci cosa fa la società per noi, ma cosa facciamo noi per la società. Io sono pronta a fare la mia parte”. Patrizia Rosatelli ha 54 anni e si è  laureata in Lingue e letterature straniere moderne all’Università degli Studi della Tuscia di Viterbo per poi lavorare come insegnante presso la scuola secondaria di primo grado dell’Istituto Omnicomprensivo “Leonardo da Vinci” di Acquapendente Sono una comune cittadina aquesiana, che non ha mai fatto politica. Ho scelto di mettermi in gioco e di candidarmi come consigliere comunale nella lista per Alessandra Terrosi sindaco, perché credo che questo variegato gruppo di persone, per età e professione, possa, attraverso una collaborazione proficua, contribuire a realizzare una rinascita di Acquapendente a livello sociale, culturale ed economico”. Serena Tini è sono un’operatrice socio-sanitaria di 44 anni. “Scendo in campo a fianco di Alessandra Terrosi spinta dal grande attaccamento al mio territorio, che reputo ricco di rara bellezza e peculiarità e di cui siamo fortunati custodi  Ho sempre sentito di essere fortemente radicata nella nostra comunità, nelle tradizioni, ma ancora di più nel legame con le persone. Con il mio impegno personale nella lista Immagina Aquesio per Alessandra Terrosi sindaco, vorrei ricambiare tutto il sostegno e l’amore ricevuto in questi anni nell’essere aquesiana”. Stefano Delli Campi ha 39 anni e lavora come dipendente presso un’azienda artigiana della zona “Mi sono candidato a fianco di Alessandra Terrosi perché voglio dedicarmi e lavorare per valorizzare ancor di più il nostro territorio, con l’obiettivo di garantire a mio figlio e alle generazioni future l’opportunità di crescere e realizzarsi qui, come sono riuscito a fare io” Marcella Giuliani ha 57 anni ed è  architetto, sposata e con una figlia. Da circa venti anni ricopre il ruolo di funzionario tecnico in ARSIAL (Agenzia per l’Innovazione e lo Sviluppo dell’Agricoltura nel Lazio), dove coordina la gestione tecnico-manutentiva del patrimonio immobiliare, occupandosi anche di gare sopra-sotto soglia e gare di servizi sul MEPA (Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione) “Con la mia candidatura a fianco di Alessandra Terrosi intendo mettere le mie competenze e la mia persona al servizio di tutti i cittadini di Acquapendente e delle sue frazioni. Mi candido perché ritengo che solo il pluralismo di idee e la civile convivenza tra esperienze differenti siano il terreno privilegiato per promuovere un nuovo senso civico, per dare vita ad azioni amministrative incisive e di ampio respiro”. Aldo Bedini 79 anni ex Dirigente Asl sottolinea che “mi sono affiancato alla candidatura a Sindaco di Federica Friggi, nella consapevolezza che il mio  paese ha veramente bisogno di impegno da parte di tutti, viste le scadenti condizioni in cui si trova ora, mettendo a disposizione la mia esperienza, ovviamente nel limite che me lo renderà possibile sia la salute che l’età”. Alessandro Brenci commerciante di 47 anni sottolinea di essere sceso in campo per affiancare Federica Friggi “Non per la solita velleità personale: prima e dopo dell’assunzione di quest’iniziativa non solo mi sono documentato, ma mi sono confrontato con esperti di valore, coi quali invertiremo la tendenza alla chiusura delle attività del paese puntando fortemente con tutti i professionisti e gli imprenditori al rilancio del Comune”. Antonella Testa infermiera di 47 anni sottolinea di essere scesa in campo a fianco di Federica Friggi perché è costituita da un gruppo “variopinto” di persone, di tutte le età, con svariate occupazioni lavorative e che insieme vuole impegnarsi per riuscire a valorizzare, e modificare, le potenzialità del nostro paese.

Proprio perché si tratta di una lista civica ho deciso di mettermi in gioco, per dare il mio contributo alla realizzazione di progetti che facciano rivivere il paese nella sua totalità. In particolare vorrei affrontare alcune tematiche che mi stanno a cuore come: la salute pubblica, la viabilità e la sicurezza stradale pedonale, il decoro ed il verde urbano; in poche parole cittadini sani ed adeguatamente assistiti in un paese bello che offre tanto”. Dino Lauricella studente di 19 anni sottolinea come “Ho deciso di affiancare Federica Friggi in quanto credo che si possa dar via ad un nuovo progetto di amministrazione comunale che ponga al centro i giovani del nostro paese, che permetta l’agevolazione per ciò che concerne l’organizzazione di eventi ed iniziative che raccolgono la partecipazione dei giovani cittadini, spesso presi di mira dall’opinione pubblica perché troppo ancorati alla cosiddetta “Movida Aquesiana” (così recitava un articolo pubblicato nel Giugno 2020 che denunciava il presunto irrispettoso comportamento degli Aquesiani nei confronti delle norme Anti-Covid)”. Domitilla Agostini avvocatessa di 38 anni sottolinea di aver appoggiato il progetto di Federica Friggi in quanto “Ho deciso di mettermi in gioco perché voglio farmi portavoce delle istanze e proposte dei miei concittadini, mettendo al centro l’interesse comune. Credo fermamente che il connubio di volontà, capacità, competenza e collaborazione, tra i membri di questo gruppo, ci consentirà di proporci come una valida alternativa. Le mie idee per Acquapendente: • istituzione di un albo di professionisti per la cura degli anziani; • installazione di un eco compattatore, emblema del riciclo incentivante; • creazione di un centro commerciale on line per vendita di prodotti e servizi del territorio; • potenziamento delle aree per bambini e famiglie”. Eolo Seri artigiano di 63 anni ha deciso di appoggiare Federica Friggi  perché “l’idea di candidarmi a consigliere comunale, è maturata avvicinandomi a delle persone con idee innovative e con la voglia di cambiare la situazione disagevole della nostra cittadina. Grazie alla mia professione, ho l’opportunità di vivere la quotidianità del nostro paese e di stare a contatto con i cittadini, ascoltando richieste ed idee, in modo da cercare di proporre un futuro, non lontano, migliore per tutti noi”. Enzo De Masi 44 anni graduato dell’Esercizio Italiano appoggia la candidatura di Federica Friggi in quanto è un progetto nuovo, nato da persone con la voglia di mettersi in “gioco” per il bene del paese e delle sue frazioni. Ritengo che le frazioni di Acquapendente siano piene di potenzialità e di risorse, a mio avviso poco sfruttate e sottovalutate. Il mio impegno sarà a 360° gradi, tra la gente e per la gente, per ascoltare le richieste e creare dei progetti ad hoc per il rilancio culturale e lo sviluppo economico del nostro territorio. Recuperare, attraverso iniziative, quel senso civico di appartenenza alla propria terra, soprattutto nei giovani, vero motore del futuro e del cambiamento… insieme si può!”. Gabriele Bedini 37 anni Biologo specialista in Dietologia Nutrizione e Alimentazione umana sottolinea di appoggiare Federica Friggi “in quanto significa, appunto, CAMBIAMENTO! Ho deciso di scendere in campo per dedicarmi ora – perché credo sia il momento giusto – al mio territorio. Il mio intento è lavorare per il territorio di Acquapendente, con particolare attenzione alla frazione di Torre Alfina, dove si trova la mia casa. Credo che Torre Alfina, adesso più che mai, abbia un grosso potenziale e che questo debba essere onorato da una gestione degna di quello che è uno tra i borghi più belli d’Italia. Il mio intento è di lavorare a stretto contatto con la gente del posto per risolvere le problematiche e promuovere lo sviluppo di questo territorio tanto amato”. Per Martina Cirilli insegnate di 34 anni appoggiare Federica Friggi  “vuol dire mettersi in gioco con un unico obiettivo: cercare di dare nuove possibilità alla nostra comunità e al nostro Borgo ricco di storia. Perché ho deciso di mettermi in gioco? Quando sono stata contattata dal referente del gruppo, ormai un po’ di tempo fa, ho subito di collaborare a questo progetto perché sono convinta che si può, e si deve, sempre migliorare. La strada sarà sicuramente lunga e tortuosa ma è più costruttivo percorrerla che arrendersi in partenza senza sapere dove si può arrivare”. Roberto Bertoldi ex Dirigente ASL di 69 anni sottolinea di appoggiare Federica Friggi “per la conoscenza e fiducia nelle persone che la compongono e per le proposte di attuazione avanzate, tutte volte ad un sostanziale cambio di gestione della vita pubblica. In particolare: • sfruttamento delle risorse territoriali; • obiettivi occupazionali; linea diretta istituzione – cittadino”. Tonino Levantini 51 anni di professione ristoratore sottolinea di appoggiare Federica Friggi” perché in questo gruppo variegato di persone ho trovato un obiettivo che ci accomuna. Dopo aver lavorato in varie parti d’Italia ho deciso, 26 anni fa, di mettere le basi del mio futuro sia affettivo che lavorativo ad Acquapendente, paese in cui sono nato e che, nonostante, gli anni trascorsi fuori non ho mai dimenticato. Vivendo in prima persona la realtà aquesiana, in quanto lavoratore autonomo legato al territorio, in questi anni ho visto un paese florido e promettente andare via via spegnendosi. È arrivato adesso il momento di cercare di cambiare rotta e perseguire un obiettivo di rivalutazione di un territorio che ha molto da offrire, soprattutto alle generazioni future!” Dulcis in fundo la scelta della commerciante Valentina Sarti di appoggiare Federica Friggi perché  significa lavorare in gruppo, proporre nuove idee innovative e dinamiche, ascoltando tutti, per migliorare il nostro paese e rendere i cittadini orgogliosi di vivere ad Acquapendente. Voglio mettere in campo esperienza e passione per la città che amo, “pazienza, determinazione e soprattutto voglia di fare sacrifici: solo così si arriva in alto” citando Tania Cagnotto Per questo ho scelto di mettermi in gioco con Federica perché, come lei, credo che abbiamo bisogno di un’amministrazione che cammini tra la gente, che l’ascolti e che progetti insieme ad essa il futuro”.

 

 

 

 

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email