Università Unimarconi

Acquapendente: le consigliere Friggi e Agostini presentano mozione per intitolazione di via o piazza in ricordo dei martiri delle Foibe

ACQUAPENDENTE (Viterbo)- Le consigliere di minoranza Federica Friggi e Domitilla Agostini presentano alla Sindaca Alessandra Terrosi, al Segretario Generale Alessandro Caferri ed ai Consiglieri, una mozione volta all’intitolazione di una Via, Piazza, Largo o di un luogo-locale istituzionale idoneo al posizionamento di un cippo-targa in ricordo dei martiri delle Foibe e degli esuli giuliani-dalmati. “A seguito”, sottolineano “di una ricerca svolta conl’ausilio e la preziosa collaborazione di alcuni concittadini interessati, siamo venuti a conoscenza che nella Città di Acquapendente non è presente, una via, piazza, largo e neanche un cippo-targa che ricordi i martiri delle foibe e degli esuli giuliani-dalmati. Ne chiediamo l’istituzione in base alla Legge N° 92 del 30 Marzo 2004 con la quale la Repubblica Italiana ha istituito il 10 Febbraio quale “Giorno del ricordo”al fine di conservare e rinnovare la memoria della tragedia degli italiani e di tutte le vittime delle foibe, dall’esodo dalle loro terre degli istriani, fiumani e dalmati nel secondo dopoguerra e della più complessa vicenda del confine orientale. Molti Comuni lo hanno già fatto, votando all’unanimità apposite mozioni come la Nostra. Atteso che si ricorda il sacrificio di centinaia e migliaia di italiani abitanti nelle terre italiane poste al confine orientale che nel dopo guerra tra il 1953 ed il 1960 furono brutalmente uccisi o in alternativa costretti ad abbandonare le loro terre, le loro case ed i loro affetti a causa della politica attuata da Tito. Sentiamo il dovere di diffondere tra le nuove generazioni aquesiane questa triste vicenda che appartiene alla storia del Nostro Popolo”.

 

Print Friendly, PDF & Email
Condividi con:
LEGGI TUTTE LE NOTIZIE