Acquapendente : “Sfogliando tra i ricordi aquesiani”, arriva la replica dei consiglieri di minoranza

In merito al comunicato inviato dal Comune di Acquapendente al Nostro quotidiano Sabato 24 Agosto ed avente per oggetto la mostra fotografica “Sfogliando tra i ricordi aquesiani”, arriva immediata la replica dei consiglieri di minoranza Aldo Bedini, Franco Ferri, Sergio Iacoponi, Alessandro Brenci. “Alla nostra lettera di Venerdì 16 Agosto”, sottolineano, “come oramai costume da molto tempo” (quanto potrà durare ?),

il Sindaco non ha ritenuto opportuno rispondere ma fare un comunicato stampa. Altrettanto, quindi, facciamo Noi stante l’opportunità di fornire alcune doverose precisazioni. Prenderemo atto dei tagli che saranno apportati sul Bilancio 2013, imposti dalle leggi Monti e Letta, ma condivise dalle maggiori forze politiche e ci riserviamo di verificare che essi siano andati ad incidere sul “SUPERFLUO”, di cui abbondava il documento contabile del Comune di Acquapendente. Questo, tuttavia, non può assolutamente essere preso a pretesto per la mancata pubblicazione del catalogo della mostra fotografica, atteso che 500 €, se c’era la volontà e la…capacità, potevano essere trovati in ogni modo. Ma così non è stato. Né può essere validante che la scelta del mancato catalogo sia stata “concordata” con il Direttore della Biblioteca, perché siamo convinti che lo stesso, PRESO ATTO che questa era la volontà dell’Amministrazione, non poteva far altro che concordare di rinviare la pubblicazione all’anno prossimo (sperando che con un anticipo di un anno non ci saranno sorprese). Se ci sbagliamo accettiamo la smentita. Ma quello che respingiamo con forza è quanto detto dal Sindaco sull’utilizzo dell’avanzo di amministrazione il quale, facendo finta di non capire, oppure proprio non capendo, ed ironizzando sul fatto che ci intendiamo di bilancio (e su questo ha proprio ragione !), si dilunga in una precisazione fuori tema. Infatti non abbiamo assolutamente scritto che per far fronte alle 500 € mancanti si poteva o doveva fare fronte con l’avanzo. Ci siamo soltanto premurati di affermare la gravità costituita dal fatto che una Amministrazione che riesca a chiudere il Bilancio 2012 con un avanzo di ben 600.000,00 €, non sia capace di trovare una miseria di 500 € per pubblicare il catalogo della mostra. Questo è quanto. E siamo certi che i cittadini tutti si siano dati la giusta risposta in merito a questa incresciosa vicenda: solo il Sindaco continua a credere che i suoi concittadini abbiano ancora l’anello al naso”.

   

Leave a Reply