Agri didattica a teatro, grande successo della manifestazione organizzata dalla Provincia con le scuole

Grande partecipazione questa mattina allo sstaccinipettacolo comico didattico organizzato presso il Teatro Genio di Viterbo dall’Assessorato all’Agricoltura della Provincia di Viterbo e riservato alle scuole, per insegnare ai bambini come avviene la produzione del formaggio.

Lo spettacolo dal titolo “The Chess Maker” è stato organizzato in collaborazione con la fattoria didattica “I Giardini di Ararat” ed è stato portato in scena dal comico rumorista Walter del Greco. Oltre 600 gli alunni partecipanti. Lo spettacolo, attraverso la formula comico ludica, ha illustrato tutti i procedimenti della filiera casearia, partendo dal latte fino alla creazione della forma di formaggio, alternando il tutto con sketch, umorismo e il pieno coinvolgimento del pubblico.

“Siamo soddisfatti per l’alta partecipazione di scuole che hanno aderito all’iniziativa – ha dichiarato l’assessore all’Agricoltura Roberto Staccini – resa pstaccini2ossibile grazie all’ottimo lavoro di coordinamento svolto da Laura Belli, titolare dell’agriturismo “I Giardini di Ararat”, sempre attiva nell’organizzazione di eventi rivolti ad incentivare e promuovere l’importanza delle fattorie didattiche sul territorio. Proprio le fattorie didattiche si stanno caratterizzando sempre di più come luoghi educativi e didattici, all’interno dei quali gli alunni delle scuole di ogni ordine e grado, ad iniziare dalle elementari, hanno la possibilità di un approccio diretto con l’ambiente, la natura, il mondo agricolo, riscoprendo sapori e tradizioni che fanno parte del patrimonio culturale della nostra provincia. L’iniziativa di oggi ha introdotto i bambini all’interno della produzione casearia attraverso una metodologia didattica, quella ludica e comica, che è risultata senza dubbio altamente efficace”.

Ad ogni bambino al termine della manifestazione è stato consegnato un buono family, un coupon di sconto per la propria famiglia, da utilizzare presso la fattoria didattica “I Giardini di Ararat”.

   

Leave a Reply