Al Bianconi di Carbognano “Il Piccolo Principe… in arte Totò” con Antonio Grosso e Antonello Pascale

CARBOGNANO (Viterbo) –  La Stagione della rinascita del Teatro Bianconi sta ormai giungendo al termine ma come in ogni buon spettacolo che si rispetti il meglio è sempre nel finale. Dopo Minchia signor Tenente, L’Invisibile che c’è, Giggino passaguai, applauditissimi spettacoli delle precedenti stagioni, Domenica 10 aprile alle ore 17.00, torna sul palcoscenico viterbese un grande e apprezzatissimo protagonista: Antonio Grosso che, insieme ad Antonello Pascale, presenta il suo ultimo spettacolo IL PICCOLO PRINCIPE… IN ARTE TOTÒ di cui cura anche la regia. Le musiche originali e non, sono suonate e cantate dal vivo dal maestro Nando Citarella.
Lo spettacolo narra le vicende della vita giovanile di uno dei più grandi Attori e Maestri della comicità internazionale che Napoli abbia mai partorito, Antonio De Curtis, in arte Totò. Immersi, in un atmosfera surreale, lo spettacolo natta tutte le vicende e vicissitudini che l’attore partenopeo ha vissuto e dovuto affrontare prima di arrivare al grande successo ed essere riconosciuto a livello nazionale come il vero e proprio “Principe” della Risata. Sul palco si avvicendano i diversi personaggi che l’Artista incontra sul suo cammino, dagli amici, i parenti, il popolo che anima le strade del famoso quartiere de la Sanità dove lui stesso è cresciuto, gli amori e le delusioni, gli artisti che ha conosciuto, gli impresari teatrali ed i commilitoni con cui è partito soldato per servire la patria.
È un grande omaggio alla grandezza del Maestro, in tutte le sue forme, artistiche ed emozionali, dimostrando che dietro una delle più grandi Maschere del Cinema moderno si nascondeva un animo sensibile che con tenacia, talento, passione ed umiltà è diventato un’icona della Comicità Archetipa, riconosciuta dai più grandi maestri del Novecento italiano. Uno spettacolo divertente, emozionante e originale perché per la prima volta, si porta in scena, un periodo della vita di Totò, non conosciuta al grande pubblico.
«Quella di Totò – racconta Grosso – è una sorta di favola. Una di quelle che potrei raccontare a mia figlia. E invece fu tutto vero: c’era questo bambino e giovane povero che conquistò il mondo con la sua arte». E per raccontarne le prime mosse nella vita e nel mondo della recitazione, Antonio Grosso ha chiesto suggerimento anche alla famiglia del Principe. «Ho avuto la fortuna e l’onore di poter contare su Elena De Curtis, nipote di Totò e sono felice di avere la benedizione della famiglia».
Per partecipare è obbligatoria la prenotazione tramite telefono al 340.1045098 (anche con WhatsApp), mail a biglietteria@teatrobianconi.it o ancora su www.ciaotickets.com. La capienza prevista è al 100% quindi tutti i posti sono disponibili. Obbligatori Green Pass rafforzato e mascherina FFP2. Per permettere i necessari controlli e per evitare assembramenti si consiglia di giungere a Teatro con congruo anticipo. Per ulteriori informazioni basta visitare la pagina Facebook del Teatro Bianconi o il sito internet www.teatrobianconi.it oppure telefonare al 340.1045098 anche usando WhatsApp.

Print Friendly, PDF & Email