Al Palazzo Doria Pamphilj di San Martino al Cimino è tornata in scena la bellezza, l’arte e la storia con l’eloquente rappresentazione teatrale “Ottombrata Sanmartinese”

di MARIA ANTONIETTA GERMANO –

VITERBO –  Per le festività natalizie il Palazzo Doria Pamphilj di San Martino al Cimino ha di nuovo aperto al pubblico le stanze nobiliari offrendo un ciclo di visite guidate (8-9-22-23 dicembre 2018) arricchite dalla “Ottombrata Sanmartinese”(15-16-29-30 dicembre), la perfetta ed esaustiva performance teatrale in preziosi e rinnovati costumi d’epoca, affidata alla Compagnia Teatrale “Danilo Morucci” che ha già ricevuto a Roma, per tale spettacolo, il Premio Mecenate Speciale Cultura e Tradizioni 2018.  Gli attori, perfetti nei lussuosi abiti seicenteschi, sono stati abilmente truccati da Andrea Marchi e Antonio Marcucci, mentre le acconciature sono opera di Giselda Baggiani. Un rinnovato successo.

Ottombrata Sanmartinese (f. MAG)

E proprio sugli abiti interviene la storica del costume Elisabetta Gnignera: “Abbiamo completato il bagaglio dei costumi storici che prima erano in prestito e ora rimangono a disposizione della comunità di San Martino. Abbiamo adeguato i costumi all’occasione della visita di Innocenzo X rendendoli storicamente più esatti per quella che era una visita ufficiale. Per le stoffe abbiamo usato dei damaschi per il marchese Giustiniani e dei taffettà per le dame. Anche i gioielli sono attinenti alle mode del tempo con acconciature da testa che prevedevano decorazioni in smalto piuttosto che in vetro. Abbiamo dato la massima attenzione alla storicità, grazie al contributo dei truccatori e  alle abili mani della parrucchiera. I costumi saranno utilizzati per successive repliche di questa Ottombrata che è già stata premiata ed è invitata per altre trasferte a Roma”.

Uno spettacolo nello spettacolo. La Confraternita del SS. Sacramento e S. Rosario canta il Te Deum mentre scende le scale del Palazzo e fa strada ad Innocenzo X e al Priore che con Donna Olimpia nel suo abito nero e l’architetto Borromini vanno in visita all’antica chiesa. Il pontefice  ne ammira l’austera bellezza e benedice sosta lo stendardo processionale realizzato da Mattia Preti per il Giubileo del 1650. Poi con passo claudicante si avvia all’uscita ed entra nella dimora di Donna Olimpia dove, nella Sala Aldobrandini, è accolto dalle nobili donne e dall’architetto Marcantonio De Rossi per prender visione delle carte della ricostruzione e per poi proseguire nell’antico Hospitale – conosciuto come Sala del Cantinone – che accoglieva i pellegrini della via Francigena, e salire nelle sale affrescate del piano nobile sino a concludere la visita in quella dal soffito d’oro di Donna Olimpia.

Durante tutto il percorso la voce narrante dello storico Colombo Bastianelli ha ricordato con abilità e dovizia di particolari la storia del Palazzo e quella del pontefice Innocenzo X Pamphilj quando, nei primi giorni di ottobre nel 1653, si mise in cammino da Roma verso il borgo di San Martino ai Monti, invitato dalla cognata Donna Olimpia Maidalchini Pamphilj bisognosa di denari per portare a termine i lavori del progetto urbanistico.  Donna Olimpia fu così convincente che il papa approvò i lavori e iscrisse il Principato di San Martino nell’albo delle città pontificie.

Gli incontri al Palazzo che hanno registrato il tutto esaurito, si sono svolti grazie alle associazioni del territorio, coordinate dalla Confraternita del SS. Sacramento e S. Rosario. Un vero successo. Bravissimi gli attori, magnifico il Palazzo, lussuosi i costumi, tanti i calorosi applausi finali.

E non finisce qui.  Per la Befana, domenica 6 gennaio alle ore 16:00, presso la Sala Aldobrandini è in programma per i bambini il divertente spettacolo “Meno male che è Natale” della compagnia Circomare Teatro, ispirato al “Canto di Natale” di Charles Dickens.

NOTA – Il Palazzo Doria Pamphilj fa parte della Campagna Art Bonus della Regione Lazio e ha affidato la sua valorizzazione a LAZIOcrea, in più  consente ai sostenitori di effettuare erogazioni liberali per il Patrimonio storico-artistico regionale, con un credito d’imposta del 65%.

La costruzione di Palazzo Doria Pamphili, sugli antichi ambienti dell’Abbazia, si deve alla principessa Olimpia Maidalchini (1594-1657) che  intorno alla metà del XVII secolo, affidò all’architetto Marcantonio De Rossi la trasformazione radicale del tessuto urbano di San Martino al Cimino. Nello stesso periodo affidò la  costruzione del sontuoso palazzo signorile utilizzando materiali provenienti dalla ristrutturazione del palazzo di famiglia in piazza Navona a Roma dove Donna Olimpia abitò fino alla morte del cognato, papa Innocenzo X, che le aveva procurato il titolo di Principessa di San Martino al Cimino e fatto costruire il borgo.

Tutte le foto sono di Maria Antonietta Germano

 

 

 

 

   

Articoli Correlati

POTREBBE ANCHE INTERESSARTI
Domenica 27 gennaio la benedizione degli animali in piazza del Plebiscito, attenzione alla viabilitàLEGGI TUTTO
VITERBO- Torna la benedizione degli animali in piazza del Plebiscito. L’appuntamento, organizzato  dal Centro equestre Cava di Sant’Antonio, in programma domenica
Il 25 gennaio nasce Piazza Grande Futuro ViterboLEGGI TUTTO
VITERBO- “Venerdì prossimo, 25 gennaio, presenteremo la mozione Zingaretti ai giovani della provincia: nasce ufficialmente il comitato Piazza Grande Futuro Viterbo.
Consiglio comunale, la prossima seduta domani 24 gennaioLEGGI TUTTO
VITERBO – Il presidente del consiglio comunale Stefano Evangelista, sentita la conferenza dei capigruppo dello scorso 18 gennaio, comunica che la
Vaccini ed autismo, nessun nesso per la CassazioneLEGGI TUTTO
di REDAZIONE- VITERBO- Vaccini e autismo, niente nessi. La conferma arriva dalla Cassazione, che ha dichiarato inammissibile il ricorso di una
Grande successo anche a Pisa e Cascina per SuperAbileLEGGI TUTTO
PISA – “Ciò che conta non sono gli anni della tua vita ma la vita che metti in quegli anni”.
Anna Valle in “Cognate- cena in famiglia” al teatro Traiano di CivitavecchiaLEGGI TUTTO
CIVITAVECCHIA  – Anna Valle è la protagonista della commedia Cognate – Cena in famiglia del francese Éric Assous nell’ambito della stagione
Le previsioni meteo di domaniLEGGI TUTTO
VITERBO – Condizioni di tempo stabile con nuvolosità irregolare sia nel corso della mattinata sia nel pomeriggio; schiarite man mano
Tarquinia, denunciato dai Carabinieri di Grotte di Castro 25 enne rumeno per avere rubato una BmwLEGGI TUTTO
TARQUINIA (Viterbo) – In pieno giorno, a Tarquinia di fronte ad un’ abitazione dove era parcheggiata, era stata rubata alla proprietaria,
Nasce nel Lazio GREMPASS, associazione internazionale di GrafologiaLEGGI TUTTO
ROMA- Dare vita ad una realtà di respiro internazionale finalizzata alla tutela dei professionisti che operano e vogliono lavorare attivamente
Finanziato il progetto Te. Lazio per la terza età, l’assessore Sberna: “Più programmazione e qualità attiva centri anziani”LEGGI TUTTO
VITERBO – Progetto TE – Lazio per la terza età, il Comune di Viterbo ha ottenuto un finanziamento regionale riguardante le