Alla Rocca Albornoz la Torre della Tuscia propone l’evento “L’universo onirico di Federico Fellini”

VITERBO- Il prossimo venerdì 24 maggio alle ore 17.00 al Museo Nazionale Etrusco Rocca Albornoz di Viterbo La Torre della Tuscia propone l’evento: “L’universo onirico di Federico Fellini”,  penultimo appuntamento della Rassegna Il venerdì al Museo a cura di Rosella Lisoni.
Ospite d’onore Gianfranco Angelucci: scrittore, sceneggiatore e amico fraterno di Federico Fellini che, in dialogo con Rosella Lisoni, tratteggerà il profilo del grande maestro riminese che tanto ha amato la città di Viterbo, location di molti dei suoi film più belli.
Focus della serata l’importanza del sogno, della magia nel complesso universo felliniano, il suo eterno danzare sul mondo, lasciandosi trasportare dall’immaginazione, dalla musica, senza tralasciare mai il lato oscuro e dolente della vita. Cibarsi “del latte del rinoceronte” per restare fedeli a se stessi.
Visionario, sognatore, inguaribile narcisista attratto dal mistero, dal paranormale Federico Fellini restituisce l’immagine dell’uomo moderno, con le sue cadute, le sue debolezze, i suoi sogni, le sue passioni.
Figura complessa e affascinante ha rappresentato l’Italia dagli anni degli anni Cinquanta agli anni Novanta, riuscendo ad influenzare l’immaginario e il vocabolario italiano, a stupire, a commuovere e a far sognare.
Quattro premi oscar e un oscar alla carriera ha regalato emozioni e sorrisi all’Italia e al mondo, creando personaggi rimasti nella memoria collettiva: clown, prelati, “gradische” figure di un eterno carosello che è stato il suo cinema e la sua vita.
Ad allietare la serata letture di Anna Maria Fausto e performance di Pietro Benedetti.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi con:
LEGGI TUTTE LE NOTIZIE