Ampliamento della Roma-Viterbo: svolto il confronto tra Astral e i Comitati Roma Nord e Roma Lido

VITERBO – Lo scorso 8 settembre si sono riuniti i Comitati Roma Nord e Roma Lido con Astral per discutere di alcuni punti importanti riguardanti le tratte ferroviarie che collegano la capitale con Ostia e con il capoluogo della Tuscia, nello specifico riferite agli impianti di traslazione, i lavori in stazione, le biglietterie, la vigilanza, le informazioni ai viaggiatori e, infine, i lavori alle infrastrutture. Intervenuti per Astral il dott. Cecconi e Mallamo. Non si è volutamente voluto parlare di treni, nuovi o in revisione generale, in quanto l’argomento è ormai di competenza Cotral.

Di fatto però sono state toccate questioni urgenti che sono state motivo di confronto. Tra le più importanti: i lavori in stazione che coinvolgeranno quasi tutte le fermate delle due linee, dal valore complessivo di 70 milioni; e l’ampliamento della linea Roma Viterbo, per cui è stato prodotto il primo progetto esecutivo del 1° lotto, mentre il 2° lotto ci sarà per fine settembre.

Per quanto riguarda gli impianti di traslazione l’ing. Cecconi ha fatto presente che la questione è ancora in mano ad Atac e che lo staff tecnico segue ancora i progetti di adeguamento sicurezza degli impianti in attesa di collaudo Ansfisa.

“E’ stato fatto presente ad Astral – scrivono i rappresentanti dei comitati – che la situazione sulla Roma Lido è ulteriormente peggiorata da quando c’è stato il subentro, passando da una media giornaliera del 50-55% di impianti non utilizzabili, ad oltre il 66%,. Astral ha assicurato che effettuerà le dovute verifiche.

Per quanto riguarda i lavori in stazione Astral rassicura che entro il mese di settembre partiranno i lavori di ristrutturazione e messa in sicurezza nelle stazioni di Porta S, Paolo, Acqua Acetosa, Euclide, Viterbo ed entro l’anno ci dovrebbe essere l’assegnazione e la firma del contratto. Si tratta di un accordo quadro che coinvolgerà quasi tutte le fermate delle due linee, dal valore complessivo di 70 milioni e per i lavori sono previsti 7 anni. I lavori alla stazione di Euclide partiranno a gennaio.

Riguardo alle biglietterie i Comitati hanno fatto presente la chiusura della biglietteria di Stella Polare e la scarsa presenza nelle altre ancora previste. Astral ha risposto che le biglietterie sono ancora gestite da Atac, e parzialmente da Cotral/Astral (?). Dal 21 ottobre Astral uscirà dalla gestione delle biglietterie e quindi probabilmente verranno chiuse, ma non sono state date informazioni su quale sarà l’eventuale nuovo sistema, elettronico o automatizzato, di vendita dei titoli di viaggio e abbonamenti del sistema Metrebus

Altro argomento di confronto ha riguardato il tema ‘vigilanza’. I Comitati hanno lamentato la diminuzione della vigilanza sulla linea, dopo il cambio del committente degli appalti alle società di guardie giurate (prima era Atac e ora Astral), sia nelle stazioni che nei trasbordi tra stazioni fatte dai vigilantes sui treni, e da parte di Astral si è esplicitata la volontà di effettuare i dovuti controlli sui livelli di servizio e, nel caso, applicare le penali alle ditte inadempienti.

Riguardo alle informazioni ai viaggiatori i Comitati hanno lamentato che l’informazione sui display in stazione non corrisponde a quanto viene riportato sul sito di Astral in tempo reale, ancor meno rispetto all’orario teorico cartaceo presente in stazione (non sempre e, comunque, nella versione superata dell’orario ATAC, ad es. sulla Lido scritto senza le corse “sottiletta”). L’ing. Cecconi ha replicato che la situazione è ancora promiscua, poiché Atac gestisce ancora i display in stazione, ma avverrà il passaggio ad Astral entro fine anno

L’opera di adeguamento al segnalamento sulla Roma Viterbo è in carico a RFI, ma l’ing. Cecconi non ne conosce i dettagli. Dal 19 settembre partiranno i lavori più pesanti sull’armamento della Roma Lido e pertanto la linea chiuderà, su tutta la tratta fino a Colombo, con l’ultima corsa alle 20,30 dal lunedì a venerdì; sabato e festivi le imprese si “riposano”, circostanza contestata dai Comitati, che chiedono di considerare utili anche le serate dei sabati o i festivi, se ciò serve a recuperare i tempi di lavoro persi per lo spostamento delle ultime corse ad orari serali più opportuni per i pendolari. I lavori partiranno da Porta S. Paolo.

I Comitati hanno obiettato che si deve allineare la chiusura serale a quella in uso per i lavori sulle Metro, cioè dalle ore 21; dopo lunga discussione Astral si è dichiarata disponibile per la soluzione dalle 21.00 ed ha invitato il Comitato a fare richiesta formale in tal senso, da indirizzare alla Regione che può accogliere la proposta ed anche a Cotral.

A domanda di conoscere i dettagli delle decisioni, Astral ha ammesso che in realtà RFI decide e la Regione avalla.

A specifica domanda di ampliamento della linea Roma Viterbo, l’ing. Cecconi ha risposto che i progetti stanno andando avanti. E’ stato prodotto il primo progetto esecutivo del 1° lotto e quello del 2° lotto ci sarà per fine settembre.
Per il deposito di Acqua Acetosa deve essere prodotto il progetto esecutivo ed i lavori dovrebbero iniziare a gennaio 2023. Successivamente le attività saranno prese in gestione da Astral.

I Comitati hanno poi richiesto ad Astral di fare incontri preventivi con le realtà dei territori, Comitati di quartiere e civici, Sindaci dei comuni lungo la extra urbana Roma Nord o i sei Municipi attraversati dalle tratte urbane, che rappresentano centinaia di migliaia di cittadini, prima di dare l’avvio ai progetti, in modo che la cittadinanza organizzata, presente sui territori, abbia voce in capitolo e possa contribuire con suggerimenti e proposte.

Comitato Pendolari Roma Ostia e del Comitato Pendolari Ferrovia Roma Nord

 

Print Friendly, PDF & Email