Andrea Di Luisa pronto per il match con Roberto Cocco: “Sono io il più forte”

di EMANUELE FARAGLIA –

VETRALLA (Viterbo) – È un Andrea di Luisa carico, tranquillo, sicuro di sè quello che si appresta ad affrontare Roberto Cocco per il titolo italiano dei Supermedi al PalaMalè, venerdì 20 aprile 2018.

Lo abbiamo intervistato nella palestra Invictus Gym dove si sta allenando col maestro Alessio De Falco, in vista dell’impegno viterbese contro un avversario già battuto in passato. “Siamo a buon punto, avanti con la preparazione, stiamo bene…”.

Roberto Cocco, avversario già affrontato, stavolta che match ti aspetti?

“Penso che dopo averlo battuto due volte verrà più inc…ato del solito. Quindi non lo sottovalutiamo, mi sto allenando bene per ribatterlo  un’altra volta”.

Prima dell’ultimo incontro con Markovic al Palaflaminio c’era stato qualche problemino di preparazione, stavolta com’è andato il lavoro ?

“Stavolta tutto bene. Ho fatto un incontro tre settimane fa che ci ha portato ad ottimizzare la preparazione, è stato un incontro tosto perché comunque calavo di peso, rientravo sul ring dopo 8 mesi, quindi siamo a buon punto”.

Match a Viterbo, il pubblico sarà un punto di forza in più per te, oppure quando si sale sul ring passa tutto in secondo piano?

“Quando sei sul ring, io lo chiamo l’acquario, stai dentro un acquario, non c’è più nessuno. Comunque mi fa piacere combattere a Viterbo, ogni quattro anni io e Cocco combattiamo a Viterbo, è tipo un’Olimpiade…”.

Quale sarà la chiave del match, quale errore non dovrai fare?

“L’errore che non devo fare è sottovalutarlo, prendere il match alla leggera. Poi la chiave del match è che sono io il più forte e quindi vinco. Come sempre”.

“E’ un match importante – aggiunge il maestro De Falco – perché Andrea torna a combattere per un titolo. È un po’ che l’aspettavamo, ci sono stati tempi troppo lunghi. Andrea sta bene, ha riacquistato una lucidità strategica, perché sul ring ha iniziato a muoversi meglio , ha ritrovato la condizione che più l’appaga, che è quella di colpire con potenza e spostarsi in velocità, mantenendo il giusto assetto, la giusta distanza. Stiamo lavorando tanto sulla continuità dei colpi, sulla tenuta atletica, parecchio sulla difesa. Stiamo facendo dei bei guanti, perché stiamo facendo sparring di livello con Blandamura. Ha trovato una condizione giusta, al di là del fatto che nell’ultimo match ha faticato tantissimo per il peso, il fatto di non esserci fermati è un punto a favore”.

L’incontro con Cocco è importante in sé, ovviamente, ma rappresenta anche un nuovo inizio, una nuova scalata?

“E’ importante per il ranking , perché Andrea deve salire. Al di là della stima che nutro per lui come combattente , nella sua categoria di peso, Andrea è il numero uno in Italia. E’ importante , soprattutto nella città che lo ospita, è un valore aggiunto. E’ un match che farà bene anche alla boxe del territorio. Fermo restando che dopo questo titolo ci saranno appuntamenti più importanti perché Andrea ha combattutto sempre molto bene a livello internazionale, quindi è giusto che gli vengano date altre chance”.

 

Print Friendly, PDF & Email