Arrestati Stefano Ricucci e Mirko Coppola per fatture false

ROMA – I finanzieri del Comando Provinciale di Roma hanno arrestato, questa mattina, i noti imprenditori romani Stefano Ricucci e Mirko Coppola.   L’ordinanza di custodia cautelare in carcere per i due imprenditori è stata emessa dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Roma, per i reati di “emissione di fatture o altri documenti per operazioni inesistenti” (art. 8 D.Lgs. 74/00) e “dichiarazione fraudolenta mediante uso di fatture o altri documenti per operazioni inesistenti” (art. 2 D. Lgs. 74/00), su richiesta della Procura della Repubblica di Roma all’esito delle indagini svolte dai finanzieri del Nucleo di Polizia Tributaria di Roma – I Gruppo Tutela Entrate.

Le fatture per operazioni inesistenti, per importi complessivamente superiori al milione di euro, sarebbero state, per Ricucci, lo strumento per ottenere un’ingente liquidità finanziaria.

Print Friendly, PDF & Email