Arsenico, il sindaco di Viterbo alza la voce: “Siamo con Talete, ma questo non deve ledere i diritti dei cittadini”

michelini-conferenza-nuova-giuntaIl Comune di Viterbo ordina a Talete di assicurare la continuità della gestione del servizio idrico  e di distribuzione dell’acqua destinata al consumo umano.

“La Talete – fanno sapere da Palazzo dei Priori – in qualità di Gestore unico del S.I.I. individuato dall’A.T.O. n. 1 Lazio Nord Viterbo, dovrà assicurare, con decorrenza immediata, la continuità della gestione del servizio idrico e di distribuzione dell’acqua destinata al consumo umano nel territorio comunale di Viterbo, comprensivo degli impianti di dearsenificazione realizzati dalla Regione Lazio in località Canale, San Martino al Cimino (loc. Campo Sportivo), Rio Trai.

 

Il tutto, fino alla definitiva presa in carico, successiva al collaudo degli impianti di dearsenificazione e comunque per un periodo massimo di 6 mesi dalla data di notifica del presente atto.

Questo quanto previsto dalla ordinanza n. 92, firmata dal sindaco Michelini nella serata di ieri relativamente alla concentrazione di arsenico nelle acque del territorio comunale. La nuova ordinanza va inoltre a revocare la precedente, la n. 91 del 31 ottobre 2013, limitatamente alle disposizioni relative all’impianto di dearsenificazione in località Canale.

Pertanto, l’acqua proveniente da tale impianto, essendo conforme ai requisiti previsti dal D. Lgs 31/2001, come attestato nella nota della Ausl dello scorso 29 ottobre, è ufficialmente idonea al consumo umano. Già dalle recenti analisi della Ausl risultava infatti che l’impianto di Canale (e la connessa rete idrica Tobia-Carcarelle) erogasse acqua con concentrazione di arsenico pari a 4 microgrammi per litro, e quindi al di sotto della soglia consentita per legge. La stessa Ausl, precisava inoltre che il consumo umano dell’acqua fosse consentito solo a condizione che la Regione Lazio procedesse all’individuazione del gestore responsabile dell’impianto, fino alla presa in carico dello stesso da parte del Gestore unico Talete. In assenza di tali indicazioni da parte della Regione, il sindaco Michelini, a titolo cautelativo, ha ritenuto opportuno interdire l’uso delle acque, limitandolo al funzionamento degli impianti tecnologici e all’igiene domestica. ordinanzaAS

Considerata la situazione di emergenza legata alla tutela della salute pubblica e quindi all’esigenza di adottare un provvedimento urgente, al fine di scongiurare il protrarsi delle problematiche igienico-sanitarie per la popolazione servita dagli acquedotti di Canale, San Martino e Rio Trai, con la nuova ordinanza, si ordina alla Talete di garantire la continuità della gestione della rete idrica, assicurando il funzionamento degli impianti di dearsenificazione inseriti nei sistemi a rete di captazione, trattamento, adduzione e distribuzione idrica gestiti nell’ambito dell’intero territorio comunale. Talete dovrà assicurare la gestione di tali impianti dal giorno dell’immissione in rete dell’acqua dearsenificata, fino alla definitiva presa in carico, dopo il collaudo, degli stessi dearsenificatori da parte della Regione Lazio.

“Il Comune di Viterbo – ha sottolineato il sindaco Michelini – non è un corpo estraneo per Talete. Anzi, ne è parte integrante con la maggior quota di capitale sociale rispetto agli altri comuni. Siamo con Talete e vogliamo tutelare gli interessi della società nei confronti della Regione Lazio. Questo però non deve ledere i diritti dei cittadini, né tantomeno contrastare con i loro interessi. Pertanto, se vi è disponibilità di acqua potabile, abbiamo il dovere di certificare tale potabilità. Nel nostro caso, ci troviamo di fronte a parametri ben al di sotto della soglia consentita per legge. Parametri certificati dalla Ausl che ci autorizzano a mettere la parola “fine” ai disagi che finora i cittadini hanno dovuto affrontare in questi mesi. Benvenga una soluzione che possa consentire al nostro Comune di poter superare queste posizioni burocratiche, talvolta incomprensibili e indubbiamente dannose per la cittadinanza”.

 

L’impegno del sindaco Michelini sarà incentrato anche su un altro aspetto. “Mi attiverò in tempi brevissimi – ha aggiunto il primo cittadino – per sollecitare la convocazione di un tavolo tecnico, con Regione Lazio, Prefettura, A.T.O. e Conferenza dei Sindaci per la Sanità, al fine di definire, una volta per tutte, il ruolo e le competenze di ciascun soggetto interessato in questa annosa e complessa vicenda dell’arsenico”.

Normal 0 14 false false false IT X-NONE X-NONE MicrosoftInternetExplorer4

Il Comune ordina a Talete di assicurare la continuità della gestione del servizio idrico  e di distribuzione dell’acqua destinata al consumo umano

La Talete, in qualità di Gestore unico del S.I.I. individuato dall’A.T.O. n. 1 Lazio Nord Viterbo, dovrà assicurare, con decorrenza immediata, la continuità della gestione del servizio idrico e di distribuzione dell’acqua destinata al consumo umano nel territorio comunale di Viterbo, comprensivo degli impianti di dearsenificazione realizzati dalla Regione Lazio in località Canale, San Martino al Cimino (loc. Campo Sportivo), Rio Trai. Il tutto, fino alla definitiva presa in carico, successiva al collaudo degli impianti di dearsenificazione e comunque per un periodo massimo di 6 mesi dalla data di notifica del presente atto.

Questo quanto previsto dalla ordinanza n. 92, firmata dal sindaco Michelini nella serata di ieri relativamente alla concentrazione di arsenico nelle acque del territorio comunale.

La nuova ordinanza va inoltre a revocare la precedente, la n. 91 del 31 ottobre 2013, limitatamente alle disposizioni relative all’impianto di dearsenificazione in località Canale.

Pertanto, l’acqua proveniente da tale impianto, essendo conforme ai requisiti previsti dal D. Lgs 31/2001, come attestato nella nota della Ausl dello scorso 29 ottobre, è ufficialmente idonea al consumo umano.

Già dalle recenti analisi della Ausl risultava infatti che l’impianto di Canale (e la connessa rete idrica Tobia-Carcarelle) erogasse acqua con concentrazione di arsenico pari a 4 microgrammi per litro, e quindi al di sotto della soglia consentita per legge. La stessa Ausl, precisava inoltre che il consumo umano dell’acqua fosse consentito solo a condizione che la Regione Lazio procedesse all’individuazione del gestore responsabile dell’impianto, fino alla presa in carico dello stesso da parte del Gestore unico Talete. In assenza di tali indicazioni da parte della Regione, il sindaco Michelini, a titolo cautelativo, ha ritenuto opportuno interdire l’uso delle acque, limitandolo al funzionamento degli impianti tecnologici e all’igiene domestica.

Considerata la situazione di emergenza legata alla tutela della salute pubblica e quindi all’esigenza di adottare un provvedimento urgente, al fine di scongiurare il protrarsi delle problematiche igienico-sanitarie per la popolazione servita dagli acquedotti di Canale, San Martino e Rio Trai, con la nuova ordinanza, si ordina alla Talete di garantire la continuità della gestione della rete idrica, assicurando il funzionamento degli impianti di dearsenificazione inseriti nei sistemi a rete di captazione, trattamento, adduzione e distribuzione idrica gestiti nell’ambito dell’intero territorio comunale. Talete dovrà assicurare la gestione di tali impianti dal giorno dell’immissione in rete dell’acqua dearsenificata, fino alla definitiva presa in carico, dopo il collaudo, degli stessi dearsenificatori da parte della Regione Lazio.

“Il Comune di Viterbo – ha sottolineato il sindaco Michelini – non è un corpo estraneo per Talete. Anzi, ne è parte integrante con la maggior quota di capitale sociale rispetto agli altri comuni. Siamo con Talete e vogliamo tutelare gli interessi della società nei confronti della Regione Lazio. Questo però non deve ledere i diritti dei cittadini, né tantomeno contrastare con i loro interessi. Pertanto, se vi è disponibilità di acqua potabile, abbiamo il dovere di certificare tale potabilità. Nel nostro caso, ci troviamo di fronte a parametri ben al di sotto della soglia consentita per legge. Parametri certificati dalla Ausl che ci autorizzano a mettere la parola “fine” ai disagi che finora i cittadini hanno dovuto affrontare in questi mesi. Benvenga una soluzione che possa consentire al nostro Comune di poter superare queste posizioni burocratiche, talvolta incomprensibili e indubbiamente dannose per la cittadinanza”. L’impegno del sindaco Michelini sarà incentrato anche su altro aspetto. “Mi attiverò in tempi brevissimi – ha aggiunto il primo cittadino – per sollecitare la convocazione di un tavolo tecnico, con Regione Lazio, Prefettura, A.T.O. e Conferenza dei Sindaci per la Sanità, al fine di definire, una volta per tutte, il ruolo e le competenze di ciascun soggetto interessato in questa annosa e complessa vicenda dell’arsenico”.

   

Leave a Reply