Arte, presenza o assenza?

di MARCO ZAPPA –

VITERBO – Per questa settimana mi sarebbe piaciuto commentare qualche avvenimento culturale recente dopo aver esaminato nelle volte precedenti opere d’arte e storie appartenenti al passato viterbese.

Nella nostra città di iniziative se ne fanno forse anche troppe con l’effetto di sovrapposizioni di eventi negli stessi giorni, nelle stesse ore: associazioni, gruppi di amatori e istituzioni ci regalano continuamente incontri culturali di vario tipo.

Riguardo alle iniziative teatrali, tanto di cappello all’efficace operazione portata avanti da Caffeina, circa quelle legate al mondo della musica dopo la riapertura del Teatro dell’Unione è ripresa timidamente una stagione musicale e tutti auspichiamo che possa avere nuovo impulso, in ogni caso la sede c’è, è degna e prestigiosa.

Dove non vedo attività né posso coltivare la speranza che possa esserci è nel mondo delle arte visive perché è da tempo immemore che non ricordo esposizioni di livello, se non alto almeno dignitoso.

Penso con estrema nostalgia all’attività di quella che fu Vitarte, una Fiera che catalizzò l’interesse da parte di collezionisti, mercanti ed artisti e che portò anche benefici economici alla nostra città mentre di mostre organizzate dal comune ho perso la memoria: a tal proposito ne ricordo una monografica, bellissima, di Domenico Corvi, pregevole pittore viterbese del ‘700 ma parliamo a occhio e croce di almeno venticinque anni fa.

Poi mi viene in mente un’installazione di Sol Lewitt che venne collocata agli Almadiani (ne è un rimasto un bozzetto sulla prima parete di destra, per fortuna coperto da un vetro,se pur deturpato con scotch ed adesivi).

Altre esposizioni sono state organizzate da privati come per esempio dalla meritoria Fondazione Carivit che ha alternato mostre interessanti a qualcuna di minor livello.

Eppure la storia di Viterbo, come ho già ricordato in altre circostanze, è stata ricca di talenti, magari non del livello di un Caravaggio o di un Monet ma non possiamo ignorare la grande qualità dell’opera dei vari Romanelli, Bonifazi, Cavarozzi, Giovannetti, Lorenzo da Viterbo e la lista potrebbe continuare.

Certo, molte delle opere di questi artisti si possono vedere (fra mille difficoltà che non sto a specificare) al museo Civico; ma perché non ridarle vita e dignità esponendole con un bel percorso storico corredato da una bella pubblicazione in un ambito che non sia il solito Museo, per mostrarle soprattutto ai giovani e renderle visibili alle scuole?

Se il Comune nella storia recente non ha avuto risorse economiche da investire in arte (ma resto perplesso quando vengo a sapere come sono stati spesi denari per altre iniziative), non potrebbe rivolgersi a qualche sponsor? Magari a qualche banca oppure ricorrere a fondi regionali, europei o chissà cos’altro?

Le opere ci sono, non vanno trasportate da chissà quale città né assicurate per muoverle o perché di proprietà di privati: pensiamo ad una mostra itinerante in città con vari ambiti espositivi corredati da didascalie e tutorial virtuali.

Oltretutto rispetto al passato oggi è molto più economico ed agile arricchire un evento con cartellonistica, stampe digitali, stampe su Forex o altre materie plastiche.

Intanto nella vicina Sutri dove il Sindaco è un critico-storico dell’arte cosa succede?

(continua)

   

Articoli Correlati

POTREBBE ANCHE INTERESSARTI
Lega Civita Castellana: “Nessun risentimento, ma non stiamo a giochi di partito”LEGGI TUTTO
CIVITA CASTELLANA (Viterbo) – Riceviamo da Lega Civita Castellana e pubblichiamo. In merito alla candidatura a sindaco per Civita Castellana
Autorevoli relatori per il convegno di studi sul conflitto intrafamiliareLEGGI TUTTO
VITERBO – Conflitto Intrafamiliare, se ne parla con autorevoli esperti in un convegno di studi che si terrà a Viterbo
Viterbo, cena di solidarietà per il progetto “Casa Tetto Amico”LEGGI TUTTO
VITERBO – Progetto “Casa Tetto Amico”, grazie alla cena di beneficenza raccolti 2.500 euro. L’iniziativa, organizzata da Maurizio e Franco
Campionato nazionale wheelchair hockey Serie A1: trasferta amara per la VitersportLEGGI TUTTO
Domenica 24 marzo 2019 la Vitersport in trasferta a Sabbioneta (MN), non riesce a raccogliere nemmeno un punto dei tre
Staffetta per la Speranza direzione Papa Francesco”: 500 km per i bambini malatiLEGGI TUTTO
Fare ricerca è un gioco di squadra. Richiede collaborazione, sostegno, impegno e preparazione per arrivare al risultato. Le stesse caratteristiche
Anche a Viterbo la committenza privata interviene per salvaguardare il patrimonio culturale cittadinoLEGGI TUTTO
VITERBO – Situazioni sempre più pressanti di tutela e conservazione del patrimonio storico e artistico italiano, nel panorama socio-economico di
Sfida decisiva tra Ants e Santa MarinellaLEGGI TUTTO
Terzo ed ultimo atto della semifinale playoff tra Ants Viterbo e Santa Marinella. In questo mercoledì pomeriggio, al PalaMalè, chi
Viterbo, assemblea annuale dell’associazione “Libellula Libera”LEGGI TUTTO
VITERBO – Si è svolta domenica 24 marzo, l’Assemblea annuale dell’associazione “Libellula Libera” di Viterbo, presso il ristorante “Acquarossa”, in
Al Museo della Zecca di Roma, studenti alla scoperta di tesori nascostiLEGGI TUTTO
L’iniziativa #IMartedìdelleScuole ideata e organizzata dal Museo della Zecca di Roma, oggi ha visto coinvolti gli studenti degli Istituti Villa
Incendio impianto di Rocca Cencia, il sindaco Arena: “Nessun rifiuto sarà dirottato su Viterbo”LEGGI TUTTO
di WANDA CHERUBINI- VITERBO- Il sindaco Giovanni Arena sempre questa mattina ha tenuto a precisare la situazione dei rifiuti dopo