Università Unimarconi

Autonomia differenziata: WWF nel comitato promotore del referendum

Il WWF Italia fa parte del Comitato promotore del Referendum sull’Autonomia Differenziata e questa mattina, rappresentato dalla sua Direttrice Generale Alessandra Prampolini, era presente insieme a tutte realtà per depositare in Cassazione il quesito referendario abrogativo della Legge 26 giugno 2024, n. 86 “Disposizioni per l’attuazione dell’autonomia differenziata delle Regioni a statuto ordinario”.

“L’Autonomia Differenziata è una mina che rischia di esplodere sulla tutela ambientale del nostro Paese che non può essere frammentata affidandola alle competenze regionali, proprio quando la crisi climatica e quella di biodiversità stanno mettendo a rischio la salute, la sicurezza e il benessere dei cittadini e la tutela dell’ambiente è entrata tra i principi costituzionali con la riforma costituzionale del 2022- ha dichiarato Alessandra Prampolini che aggiunge-: La tutela ambientale, che è una delle materie su cui le regioni possono chiedere l’autonomia, è sicuramente una delle materie che meno si presta ad una frammentazione in base a criteri amministrativi, poiché, per essere efficace, deve necessariamente esplicitarsi a livello nazionale, se non addirittura internazionale”. “Abbiamo provato, senza esiti, a portare all’attenzione del Parlamento il rischio che si corre. Abbiamo presentato, senza esiti, diverse argomentazioni giuridiche e scientifiche in tutte le fasi del dibattito parlamentare sia al Senato che alla Camera – conclude Prampolini -. A questo punto l’unico modo è chiedere ai cittadini di abrogare questa legge attraverso il referendum”.

 

Print Friendly, PDF & Email
Condividi con:
LEGGI TUTTE LE NOTIZIE