Basta uno smartphone e l’applicazione giusta per semplificare la vita dei disabili

Riceviamo e pubblichiamo. Giovedì scorso  presso il bar Light si è svolto un incontro con Ferdinando Acerbi, nell’ambito del progetto europeo “All in! Nessuno escluso” promosso da MODAVI Viterbo e mediato dal Presidente del Modavi Viterbo Simone Ubiphone-schermo-12ertazzo. Acerbi, atleta professionista con la passione per il mare, nel 2004 subisce un incidente subacqueo, ma, grazie alla sua tenacia, Ferdinando torna a camminare grazie ad un semplice ausilio. Dal momento dell’incidente si è impegnato a trovare soluzioni pratiche per risolvere molti dei problemi che le persone disabili sono costrette ad affrontare ogni giorno, provando ad abbattere non solo le barriere architettoniche ma soprattutto quelle burocratiche. Ha creato così Henable.me con l’intento di sviluppare prodotti digitali che possano essere utili nella vita quotidiana.

 

Basta uno smartphone e l’applicazione giusta per semplificare la vita delle persone disabili. Con la nuova Henable Ztl diventa più facile spostarsi in automobile; l’applicazione permette di chiedere l’autorizzazione per il transito nelle zone a traffico limitato delle principali città italiane con un semplice click sul telefonino, evitando così lunghe trafile burocratiche, prima o dopo. Attualmente sono circa 140 le città italiane inserite in Henable Ztl, tra cui tutti i capoluoghi più altre città con zone a traffico limitato sorvegliate da telecamere, ma il database è in continua espansione.

L’incontro è stato fortemente interessante e stimolante da un punto di vista tecnico, ma a rendere questo appuntamento un’occasione speciale per i numerosi cittadini intervenuti è stata sicuramente la tenacia, la simpatia e la voglia di vivere dello stesso Acerbi, che ha coinvolto, a fine presentazione, il pubblico in un dibattito attivo ed interessante, durante il quale sono emersi nuovi spunti e idee per stabilire una collaborazione stabile e proficua.

   

Leave a Reply