Belcolle, un servizio di accoglienza per tutti gli utenti

di WANDA CHERUBINI-

VITERBO- All’ospedale Belcolle di Viterbo esiste un importante progetto di accoglienza portato avanti da operatori socio sanitari che, svolgendo la funzione di facilitatori, accolgono l’utenza dando tutte le informazioni necessarie sulla collocazione degli ambulatori, i controlli e qualsiasi altra informazione.  Il servizio è proprio all’ingresso dell’ospedale ed è svolto al momento da due operatori. A parlarcene è l’operatore Tiziano Cannata : “Noi diamo informazioni e siamo pronti ad accogliere gli utenti. Il servizio dà informazioni anche ai famigliari sul percorso che stanno svolgendo i loro parenti all’interno del Pronto soccorso visto che, per via del Covid, i parenti non sono ammessi e devono attendere fuori.  Io sono un operatore socio sanitario. Il mio è un ruolo di accoglienza, dando informazioni di varia natura. E’ un servizio che speriamo si possa implementare. Certamente dipende dalle risorse umane disponibili”. Tiziano Cannata pone l’accento sull’importanza di mettere in luce questi servizi che funzionano, visto che spesso ci si lamenta solo di quello che non va e sottolinea l’importanza di tutti, dagli addetti alle pulizie fino ai rianimatori con il comune obiettivo del benessere dell’utenza. “Il nostro obiettivo- sottolinea Tiziano – è fornire il benessere  all’utente a 360 gradi  ed anche ai famigliari che attendono all’esterno di avere informazioni sui loro parenti. Chi entra in ospedale non sta bene e va accolto con massimo rispetto e umanità. Siamo tutti figli e genitori e ci dobbiamo immedesimare nelle persone. Chi viene in ospedale ha sempre dei problemi”. Tiziano Cannata sottolinea il senso di questa accoglienza: “Far sentire l’utente accolto nella sua necessità, seguito in tutto il percorso”.  Inoltre, ricorda come le persone che non deambulano vengono accolte proprio all’ingresso del nosocomio, aiutate a scendere dall’auto e poi vengono accompagnate presso gli ambulatori. “La cosa importante è quella di dare un orientamento all’utenza e nel farla sentire non sola”.

Print Friendly, PDF & Email