I Bersaglieri in congedo in visita a San Martino al Cimino

di MARIA ANTONIETTA GERMANO –

VITERBO – Oggi, 11 marzo, in una domenica uggiosa e bagnata dalla pioggia, nell’ambito dell’anniversario della costituzione del glorioso Reggimento Bersaglieri Caserma Chelotti (sede del Centro addestramento Aves di Viterbo), sono giunti nel borgo di San Martino al Cimino i bersaglieri in congedo, quelli “del Primo” sezione di Civitavecchia, per l’annuale “Pranzo Cremisi” che si è svolto nel Balletti Park Hotel.

Dopo la S. Messa nell’Abbazia cistercense, il gruppo ha visitato il Palazzo Doria Pamphilj per poi giungere davanti al Monumento dei Caduti in piazza Buratti dove è stato deposto un omaggio floreale con la benedizione del parroco don Bonaventura Pulcini, sotto lo sguardo attento del bersagliere Mario Mochi per diversi anni Aiutante Maggiore del Reggimento.

Fanfara di Torre Alfina (foto MAG)

Ad accompagnare la cerimonia sono stati i Cappelli piumati dell’acclamata Fanfara Bersaglieri di Torre Alfina (Viterbo) diretta dal Bersagliere Fabio Camilletti, che ha emozionato la comunità sanmartinese partecipante all’evento dove ha ascoltato i brani bersagliereschi più conosciuti come “Il Piave”, il Silenzio, l’Inno nazionale, cantato da tutti i presenti.

Al termine, dopo un preciso comando, la Fanfara si è di nuovo compattata ed ha attraversato correndo al passo del famoso flik flok (marcia), la Porta del Borromini, seguita da gran parte della popolazione.

 

Print Friendly, PDF & Email