Bianchini (Mio Italia): “Pronti a bloccare l’Italia, aiuti subito e stop al green pass”

“Il Governo Draghi non ha capito il dramma del nostro comparto, di quello turistico e di molte altre categorie di lavoratori, come gli autotrasportatori: siamo letteralmente ridotti alla fame e siamo pronti a gesti eclatanti. Da lunedì prossimo, se non ci saranno garantiti sostegni veri, attraverso un consistente scostamento di Bilancio, non inferiore a 30 miliardi, e se non saranno tolte immediatamente restrizioni assurde, a partire dal Green Pass, bloccheremo il Paese”. Lo dichiara Paolo Bianchini, presidente del MIO (Movimento Imprese Ospitalità) Italia, il quale ricorda che “gli autotrasportatori hanno già dato, nel recente passato, prove di forza importanti e noi ci uniremo alla loro protesta: dobbiamo far valere le nostre ragioni, in tutti i modi, dobbiamo farci ascoltare e vedere da un Governo sordo e miope”. “Mentre il Paese muore, mentre l’ossatura del sistema economico italiano versa in condizioni disastrose – sostiene Bianchini – il premier Draghi non può andare in Parlamento a dire che tutto va bene e che le tasse non sono state aumentate: i prezzi, nelle ultime settimane, sono letteralmente esplosi, a partire da quelli energetici, e per dichiarare che la situazione è sotto controllo bisogna essere folli o in malafede. In entrambi i casi, noi non staremo a guardare: la nostra protesta si farà vedere e sentire, perché, se non otterremo sostegni subito, andremo a fondo. Draghi e i suoi ministri lo sappiano: non ci arrenderemo facilmente e faremo tutto il possibile, per salvare le nostre aziende e i nostri lavoratori”.

Print Friendly, PDF & Email