“Bomba all’arsenico”: il presidente della Provincia Marcello Meroi si è dimesso da presidente dell’ATO Lazio Nord chiedendo alla Regione Lazio di procedere al commissariamento della struttura

Ed ora qualcuno dirà “come un fulmine a ciel sereno”… Marcello Meroi si è dimesso da presidente dell’Ambito Territoriale Ottimale Lazio Nord, con conseguente richiesta alla Regione Lazio di procedere al commissariamento della struttura.
meroi marcelloA comunicarlo direttamente l’ufficio stampa di Palazzo Gentili che così prosegue: “Il presidente Marcello Meroi, di fronte all’ennesima conferenza dei sindaci Ato andata a vuoto, ha messo la parola fine ad una situazione che si sta trascinando ormai da troppo tempo. Stamattina hanno risposto all’appello soltanto i sindaci dei Comuni di Bolsena, Canino, Castel S.Elia, Monterosi, Vignanello, Vitorchiano e Viterbo.

 

“Non è più ammissibile andare avanti in questo modo – ha spiegato Meroi – il numero dei presenti oggi è addirittura inferiore a quello della volta precedente. Devo constatare che i miei appelli alla responsabilità non sono serviti a nulla. Evidentemente la maggioranza dei sindaci ha ritenuto che, il modo migliore per discutere i problemi del servizio idrico, e quello ancora più spinoso relativo al costo della tariffa, sia non partecipare. Ne prendo atto, ma per quanto mi riguarda non sono più intenzionato a tollerare questa situazione. Pertanto rassegno le dimissioni da presidente dell’Ato e chiederò alla Regione di procedere in tempi brevi alla nomina di un commissario ad acta”.

   

Leave a Reply