Botti di Capodanno: alcune regole per far vivere meglio questo momento ai nostri amici animali

I botti di Capodanno non sono solo pericolosi per l’uomo, ma anche deleteri per i nostri amici a quattro zampe, le cui morti, a causa dei botti, cane-asiasono in aumento. Sono soltanto alcune, per il momento, le città che hanno vietato l’uso dei botti, tra queste Cosenza, Bari, L’Aquila, Bologna, Modena, Pistoia, Forlì, Asti, Brescia, Alessandria, Torino con multe salatissime per chi non rispetta il divieto. Questo non solo per tutelare gli uomini, ma anche

gli animali che durante l’ultimo dell’anno vivono alcuni minuti (la durata dei botti) da incubo, scappando per la paura, rifugiandosi sotto i mobili e, spesso, morendo proprio per la paura stessa.

Le regole per attutire, quindi, questo loro trauma sono poche e semplici: chi ha un animale domestico deve ricoverarlo nella stanza più riparata, chiudendo bene le tapparelle. Accendere poi la televisione o la radio ad un volume più alto per mistificare il rumore dei botti, farsi vedere tranquilli e giocare come se niente fosse con il proprio amico a quattro zampe.

Se poi l’animale si è rifugiato sotto un mobile bisogna lasciarlo stare lì dove è perchè per lui quello è stato scelto come il luogo meno pericoloso. Non bisogna ovviamente lasciarli soli in giardino o nel terrazzo, nè tenerli alla catena perchè potrebbero strozzarsi.

Se l’animale scappa da casa cercarlo poco dopo nei dintorni, visto che si potrebbe essere nascosto in un luogo vicino casa. In caso non si riuscisse a trovare bisogna contattare il canile comunale e le associazioni animaliste di zona e presentare denuncia di smarrimento a vigili urbani o ai carabinieri. Bisogna poi preparare anche una locandina con tanto di foto da affiggere nelle zone limitrofe alla scomparsa.

   

Leave a Reply