Bracciano. A 70 anni dalla fucilazione il ricordo di Artemio Baldi e Virgilio Andreotti

Oggi commemorazione ufficiale del triste episodio del 1943 che culminò con la strage di 17 giovani avieri sardi fucilati Braccianoa “Montefosco” Una triste pagina di storia italiana viene riscritta oggi a Bracciano in occasione giovedi, 21 novembre in occasione del 70° anniversario della fucilazione di due giovani ragazzi di Capranica, Antemio Baldi di 22 anni e Virgilio Andreotti di 21 anni. I due vennero fucilati barbaramente dalle truppe naziste sul nostro territorio.

Questi giovani vennero detenuti e torturati nelle prigioni del comando delle Schutzstaffel-SS di Bracciano in via San Francesco d’Assisi. Quattro giorni prima un altro ragazzo Salvatore Alessi di 21 anni era stato ricondotto a Capranica ove si svolse un rastrellamento che culminò con la strage di 17 giovani avieri sardi fucilati in località “Montefosco” tra Sutri e Bassano Romano. Ai due, il Comune di Bracciano in stretta collaborazione con lo studioso Massimo Perugini, promuove una giornata “per non dimenticare”. In particolare oggi giovedì 21 novembre alle ore 16 si tiene la commemorazione ufficiale dell’evento nell’aula consiliare di Bracciano con la partecipazione dei familiari, delle autorità di Capranica e Bracciano, di testimoni e studiosi. Segue alle ore 17 la Santa Messa di commemorazione nella Chiesa di Santa Maria Novella celebrata dall’ex Parroco Don Nicola Fiorentini, testimone del tragico evento. Il tragico episodio fino a questi giorni è rimasto pressoché sconosciuto.

   

Leave a Reply