Bracciano. Discarica Cupinoro, per il sindaco Sala: “Nessun progetto segreto”

Secca smentita da parte del sindaco di Bracciano Giuliano Sala su un presunto progetto di ampliamento della discarica di Cupinoro di 4.802.000 metri cubi al quale fa riferimento una nota a firma dei consiglieri di minoranza Pezzillo, Tondinelli e Carone Fabiani, della quale si è già fatto accenno sulla stampa.bracciano panorama

“Mi unisco all’invito dell’amministratore unico della Bracciano Ambiente ai tre consiglieri – dice il sindaco Sala facendo riferimento ad una nota del vertice della multiservizi comunale – a produrre il progetto del quale parlano. Ci mostrino chi lo ha commissionato, chi lo ha firmato come professionista o quando è stato protocollato, altrimenti anche questa è una bufala. Si tratta di affermazioni che – dice Sala – non rispondono al vero e, in quanto tali, suscettibili di divenire oggetto di querela. Quanto è previsto nell’impianto di smaltimento di Cupinoro – ribadisce il sindaco di Bracciano – è scritto nel piano approvato dal Consiglio comunale e che prevede il rinnovo dell’autorizzazione integrale ambientale rilasciata in data 28 maggio 2007 relativo all’impiantistica e la richiesta di ampliamento della discarica per 450mila metri cubi nella quale sarà possibile conferire esclusivamente rifiuto trattato. Ogni altra ipotesi – sottolinea il sindaco – non corrisponde al vero .Riteniamo che in questo modo si voglia alimentare la tensione in merito alla gestione dell’impianto sul quale non esistono progetti segreti ma unicamente gli interventi già scritti e deliberati in atti pubblici. Ad oggi a Cupinoro continuano a conferire i 25 Comuni già autorizzati. Non sono state ancora inoltre conferite le 20mila tonnellate di rifiuto trattato oggetto dell’atto di requisizione del commissario Sottile. Ci tengo a rassicurare i cittadini in merito alle tutele ambientali.

Le recenti analisi, consultabili sul sito della Bracciano Ambiente, attestano la conformità ai parametri di legge dei prelievi effettuati nei sette pozzi sentinella dell’impianto. Sul sito vengono inoltre regolarmente effettuati i controlli di routine dell’Arpa Lazio. E’ doveroso fare appello – aggiunge ancora Sala – agli organi di stampa affinché nella diffusione delle notizie, così come previsto dal codice deontologico, si attengano ad una scrupolosa verifica delle proprie fonti. Mi auguro – spiega ancora il sindaco – che il confronto anche serrato possa contribuire a rendere consapevole ogni cittadino di Bracciano su quale sia la realtà dei fatti, al di là di strumentalizzazioni anche politiche in atto sulla vicenda. Come amministrazione comunale stiamo cercando di porre in essere tutti quegli strumenti previsti dalla legge affinché la Bracciano Ambiente nel pieno rispetto delle normative ambientali nazionali ed europee, possa portare ava nti la mission per la quale è stata costituita nel 2004 anche a salvaguardia dei sessanta posti di lavoro attuali. E’ importante al riguardo che – conclude Sala – anche gli amministratori di 25 Comuni che utilizzano l’impianto facciano la loro parte”.

Info:  fuoridalcomune@comune.bracciano.rm.it.

telefono 06/99816375 Bracciano

   

Leave a Reply