Calo delle vendite in tutte le categorie alimentari: i dati Istat commentati dalla Coldiretti

La Coldiretti nel commentare i dati Istat , relativi al commercio al dettaglio a settembre, che mettono in risalto il calo delle vendite in tutte le categorieprodotti-alimentari-nostrafoto alimentari,rileva che solo le vendite low-cost nei discount alimentari aumentano debolmente ( +1,4 % fino a settembre c.a. e + 0,8 % a settembre rispetto al 2012) I piccoli negozi hanno subito un calo

del 3,2 %. Il 47 % degli italiani,abbandonando il negozio di fiducia si reca negli esercizi commerciali per acquistare prodotti a prezzi più bassi spinti anche dal volantinaggio che pubblica offerte speciali e sconti. La Coldiretti sottolinea come i consumatori, sempre più attenti rispetto al passato a confrontare i prezzi,vanno a cercare le offerte speciali ( 62 % ) ed a scoprire i prodotti che costano meno ( 42 % ).Tutto ciò comporta maggiore fatica e tempo visto la spola che gli italiani debbono fare tra i diversi negozi per risparmiare. Le difficoltà economiche hanno costretto i cittadini a tagliare la spesa alimentare preferendo alimenti più economici ma che rischiano di avere un impatto sulla salute. La Coldiretti denuncia come dietro questi prodotti, che presentano ingredienti di minore qualità,ricette modificate e metodi di produzione alterata, si possono mascherare varie irregolarità come emerse dall’escalation dei sequestri. Dall’indagine Coldiretti / Ixe è risultato che il 18 % degli italiani è stato vittima nel 2013 di frodi alimentari per l’acquisto di cibi avariati,alterati e fasulli.

   

Leave a Reply