Campionato di promozione (GiorneB), XIII giornata, Vigor Acquapendente- Corneto Tarquinia 4-1

VIGOR ACQUAPENDENTE – CORNETO TARQUINIA 4-1 (PRIMO TEMPO 3 – 0) VIGOR ACQUAPENDENTE: Nulli, Viviani, Borges, De Grossi, Nuccioni, Avola, Cannavacciolo, Tonelli, Saleppico, Zammarchi (73° Picchiotti), Colonnelli A DISPOSIZIONE: vigor acquapendenteLa Vecchia, Burchielli, Bedini, Barberini, Del Giusto ALLENATORE: Fatone CORNETO TARQUINIA: Vittori, Martelli (46° Ventolini), Cruciani (75° Borreale), Riccobello, Gibaldo, Codoni, Spirito, Bordo, Rosati, Bisozzi, Sabbatini A DISPOSIZIONE: Remedi, Lemme, Nicolini, Pugliese, Maisto ALLENATORE: Ercolani ARBITRO: Ferraro di Roma II coadiuvato dai collaboratori Noce di Roma I e Grasso di Roma I MARCATORI: 26°SALEPPICO (VIGOR ACQUAPENDENTE), 37° SALEPPICO (VIGOR ACQUAPENDENTE), 44° ZAMMARCHI (VIGOR ACQUAPENDENTE), 50° Spirito (Corneto Tarquinia), 55° ZAMMARCHI (VIGOR ACQUAPENDENTE) NOTE: Ammoniti 28° BORGES (VIGOR ACQUAPENDENTE), 39° Codoni (Corneto Tarquinia), 56° Riccobbello (Corneto Tarquinia), 61° Bisozzi (Corneto Tarquinia) La Vigor Acquapendente conquista tre punti e naviga sempre più a vele spiegate in vetta alla classifica. Nella Domenica in cui le principali contendenti dimostrano forza

e qualità di gioco utili a conquistare punti casalinghi, gli aquesiani approcciano con lucidità ed intelligenza il match. A prendere il mano la squadra un esaltante capitan Colonnelli spostato per l’occasione a cursore di fascia destra. Sua la traversa al minuto 16 frutto di un pregevolissimo pallonetto. Due minuti dopo la bella rovesciata da Zammarchi termina alta. Dopo una bella conclusione di De Grossi, arriva al 26° la rete sbloccagara. Porta la firma di Saleppico, di gran lunga uno dei migliori in campo. Dopo un bel tentativo su punizione di Bisozzi, è ancora Colonnelli ad illuminare calcisticamente il Vitali. Suo il lancio per il raddoppio di Saleppico.

E sempre lo splendido capitano offre al 44° un cross che Zammarchi infila in rete con una deliziosa conclusione. Nel giro dei primi cinque minuti della ripresa l’arbitro concede due calci di rigore. Il primo in favore della Vigor. Ma la conclusione dal dischetti di Zammarchi è bloccata da Vittori. Dall’altra parte Spirito non sbaglia.

Al 55° arriva il poker Vigor grazie ancora a Zammarchi. La risposta tirrenica passa per i piedi di Bisozzi. Ma è Gibaldo sulla riga ad impedire l’insaccarsi della quinta rete. Dopo le conclusioni di Ventolini da una parte e Tonelli dall’altra, è ancora Colonnelli a tentare la via della rete. Gran finale per Saleppico, che impegna in due occasioni Vittori. Dopo la sfortunata traversa di Bisozzi, la gara si conclude sui piedi di De Grossi. La sua conclusione viene deviata da Vittori. IL DOPOPARTITA Sono passati solo cinque giorni dal pareggio-beffa di Coppa Italia. Ma la Vigor non si ferma davanti a niente e nessuno. Gli ostacoli e la sfortuna infrasettimanale, sembrano rafforzare ancora maggiormente un gruppo che si consolida graniticamente come un unico pezzo, per la gioia di felicissimi e goliardici Dirigenti che assieme al pubblico formano un vero e proprio collante-squadra che non può che costruire un futuro ancora più roseo. In attesa dell’utilizzo degli ultimi due acquisti Crisanti e Ranchino, i viterbesi mettono in mostra un Daniele Viviani d’annata. Che alla prima di fronte al pubblico aquesiano ed al conosciutissimo fratello minore militante nelle file del Pescara dimostra alla perfezione quanto promesso in settimana. “Sono venuto qui per dare un contributo importante a questo gruppo”, A godersi lo straordinario momento del gruppo è il Tecnico Riccardo Fatone. Che dopo aver elogiato i suoi al termine della gara in Coppa Italia, si trova a fronteggiare l’ennesima grande prova casalinga. Nel catino di un Vitali in cui tutte le squadre, nessuna esclusa, vestono solo ed unicamente il ruolo di comprimari. “Dopo essermi complimentato con i miei ragazzi per la superba prova in Coppa Italia”, sottolinea il Tecnico umbro, “abbiamo preparato con intensità ed impegno una gara che poteva diventare difficile. Avevamo consumato molte energie il Mercoledì e non avevamo avuto il tempo sufficiente per preparare in allenamento schemi e tattica. Di fronte ad una squadra che sapevamo essere organizzatissima soprattutto nella fase difensiva, era fondamentale l’approccio. E proprio da subito abbiamo imposto gioco e dettato ritmo con soluzione tecniche davvero mirabili. Il 3-0 del primo tempo ci ha permesso di gestire bene tutta la ripresa. In cui abbiamo comunque continuato a far gioco in maniera ottimale”. Il pensiero è già rivolto a Domenica prossima. “Avremmo sicuramente tempo maggiore”, sottolinea il Tecnico, “per preparare la trasferta sul campo del Pianoscarano 1949 che ieri ha perso sul campo del Montespaccato. Sarà un altro derby complicato e per lo più giocato fuori casa. Ma abbiamo tutte le caratteristiche giuste per affrontarlo bene e conquistare i tre punti”. L’arrivo del Corneto Tarquinia fa eco con splendido amarcord per chi seguiva già dagli anni ’90 il calcio aquesiano. Arriva l’attuale Direttore Sportivo Ciro Granato. Ma semplicemente l’ariete-bomber che faceva spellare le mani ad un pubblico alto viterbese. Soprattutto quando infilava la palla in rete. “Ho trascorso anni indimenticabili in questo campo”, sottolinea appena terminata la riunione pregara con il proprio staff. “Che non dimenticherò mai”. Per una squadra che naviga nelle zone di metà classifica, pomeriggio onestamente difficile per il Tecnico Ercolani, di fronte ad una qualità di gioco aquesiana indiscutibile. “Vittoria strameritatissima quella della Vigor Acquapendente”. Sottolinea il Tecnico dei tirrenici. “E di fronte da una squadra di superiore caratura tecnici abbiamo comunque dimostrato di giocare a viso aperto senza nessun timore reverenziale. Seppur non riuscendo nel primo tempo ad impostare tatticamente la gara che volevamo, nella ripresa abbiamo comunque almeno in parte alzato il livello della nostra asticella-gioco, impegnando più severamente i nostri avversari”. Gli obiettivi per il tecnico tirrenico sono ben precisi. “Non dobbiamo abbatterci più di tanto da questa sconfitta”, sottolinea. “Ma il tutto deve essere visto come punto di partenza fondamentale per raggiungere l’obiettivo prefissatosi ad inizio stagione: la salvezza. Riprenderemo a lavorare in settimana ragionando sia su quanto di buono fatto che sulle situazioni da limare per non ripetere più certi tipi di errori. E ripartire con coraggio e determinazione di fronte al nostro pubblico amico per percorrere un tracciato che a fine stagione ci dovrà mantenere in questa Categoria”.

   

Leave a Reply