Canino, Consiglio Comunale del 29 novembre: tra i punti la questione Terme

Il giorno venerdi 29 novembre a Canino si è svolto il Consigcanino termelio Comunale, dove in un punto all’ordine del giorno si parlava di Terme. Dopo anni ed anni di aspettativa, finalmente a Canino si parlerà di Terme in modo concreto, infatti è stato approvato dal Consiglio Comunale, il seguente ordine del giorno: Soc. Acque di Vulci – Centro Termale in Loc. Riminino-Paglieto in variante al PRG – d.p.r. 160/210 – Approvazione progetto e variante puntuale al p.r.g.

Con questa approvazione finalmente la società che ha presentato la richiesta potrà iniziare a costruire le Terme, fermo restando che dovrà reperire, qualora non ne sia già in possesso, di fondi da investire, visto l’ampia portata del progetto. Il progetto presentato in origine è stato modificato dalla Conferenza dei Servizi in base alle richieste della Regione Lazio e delle Soprintentendenze al fine di contenere l’impatto estetico ed urbanistico del progetto, creato in un’area che risulta sottoposta a vincolo paesistico. Rispetto alla proposta originaria, è stata ridotta parzialmente la volumetria della zona residenziale e dato un aspetto più rurale consono alla zona, mentre sono rimaste invariate le superfici per il verde, la viabilità ed i parcheggi. Il progetto termale concerne la realizzazione di una volumetria di mc 31266,87, distribuiti su un’area fondiaria di mq 83.250, il comparto fondiario ha un indice di fabbricabilità pari a 0,41 mc/mq per un’altezza massima degli edifici pari a 10,5 ml.

All’approvazione di questo progetto variante, farà seguito la stipula della Convenzione e la successiva esecuzione dei lavori, subordinata all’assolvimento di adempimenti tecnici ed amministrativi come ad esempio l’autorizzazione sismica, il pagamento degli oneri concessori, il N.O. sanitario, etc. L’assessore allo sviluppo termale Dott. Cesarini Eugenio si è dichiarato entusiasta di questo passo fatto dall’amministrazione ed ora tutti concentrati sugli ultimi passaggi che permeteranno di realizzare il sogno dei caninesi da molti anni: vedere finalmente le Terme a Canino, non importa in quale sito e chi le realizzerà, l’importante eè che ciò avvenga, in questo momento così delicato per l’occupazione, potrebbero essere una bella valvola di sfogo, accanto alle quali potrebbero aprirsi le possibilità a giovani imprenditori di crearsi un’attività a contorno del grande progetto Terme di Canino.

   

Leave a Reply