Caritas: la mensa ed il dormitorio trasferiti nella vecchia sede completamente rinnovata

di WANDA CHERUBINI-

VITERBO – Luca Zuccheddu, direttore Caritas diocesana di Viterbo,  spiega come dal 10 gennaio il servizio mensa ed i dormitori siano ritornati nella vecchia sede,  al largo Bontà,  in via San Leonardo, a Viterbo, in un ambiente completamente ristrutturato e curato in tutti i suoi aspetti. “In particolare abbiamo fatto molta attenzione alla bellezza del luogo – ha riferito Zuccheddu- perché un segno di accoglienza è anche la bellezza e la cura dello spazio per le persone povere. Si crea anche una dinamica di ospitalità con una maggiore possibilità di condividere uno spazio di relazione con gli ospiti che accedono. Anche il dormitorio è stato dotato di mini celle, visto che erano camerate ed è stato predisposto anche un sistema di areazione con tutto il confort necessario per un’accoglienza dignitosa delle persone.  I posti letto del dormitorio sono 16, 10 per gli uomini e 6 per le donne. La mensa – ha proseguito Zuccheddu – in questo momento contingentato ha 18 posti a sedere,  ma possono crearsi più cicli di persone. Stiamo poi lavorando in questi giorni per ampliare il servizio con la mensa serale. A breve,  speriamo con la forza dei nuovi volontari, vorremmo creare le condizioni per l’apertura di una mensa serale per poter riuscire ad offrire i pasti alle persone bisognose non solo a pranzo, ma anche a cena.  I pasti che eroghiamo in questo periodo di pandemia e di trasferimento sono calati e siamo arrivati ad una ventina di persone, mediamente siamo intorno alle 45 persone. Gli ospiti del dormitorio sono variabili e passiamo da un minimo di 3 fino a 14-15, non c’è un criterio preciso”.

Print Friendly, PDF & Email