bruno sanetti vince memorial sanetti-faraglia

“Ce l’ho fatta!”. Bruno Sanetti conquista per la prima volta il memorial Sanetti-Faraglia

di REDAZIONE-
VETRALLA (Viterbo) – Finalmente dopo diversi tentativi e tanta sfortuna Bruno Sanetti è riuscito a conquistare la vittoria nel 4° Memorial “Nonno Bruno Sanetti” e 5° Memorial “Il Colonnello” Giuseppe Faraglia. Una gioia e una soddisfazione immense per il forte ciclista che all’arrivo non ha nascosto la sua grande emozione urlando al cielo.All’evento hanno presenziato il sindaco di Vetralla Sandrino Aquilani e il vice sindaco Giovanni Gidari.

Ci sono stati partecipanti importanti al Memorial, ex professionisti come Stefano Colage, Stefano Pirazzi e Marco Bernardinetti, ma anche Alfredo Balloni. In tutto hanno corso in 85 provenienti da tutto il centro Italia.

A vincere, come detto, è stato proprio il corridore di casa Bruno Sanetti che ha chiuso la gara in 2 ore e 2 minuti, 80 km di percorso alla media di 38 km/h con oltre 1000 mt di ascensione. Quest’anno per rendere speciale la gara si è voluto fare un settore di sterrato di 5km da ripetere due volte dove si è decisa la gara. Per quanto riguarda il tracciato, dopo il tratto turistico che prevedeva il passaggio sulla Cassia da Cura a Vetralla immessi sull’Aurelia in prossimità delle Dogane, è stato dato il via ufficiale.

Dopo circa 10 km prende il via una fuga capitanata da Stefano Pirazzi, Costarelli, Mariani ed altri due fuggitivi. Il vantaggio massimo è di due minuti, ma verranno ripresi prima da Carlo Socciarelli e al km 45 dopo il tratto in sterrato sotto il forcing di Balloni e Bernardinetti.

Il gruppo si screma, ma al km 65 prima del secondo tratto di sterrato, vengono ripresi da una ventina di corridori con Sanetti e Colage promotori dell’inseguimento. Sullo sterrato la fuga decisiva in 5 con Balloni, Bernardinetti e altri. Prima della salita di San Giovanni in Tuscia a 6 km dall’arrivo rientrano Sanetti con Socciarelli, Montanini e Rellini. Sulla salita di Villa San Giovanni si sganciano in 4: Balloni, Bernardinetti, Sanetti e Rellini che si andranno a giocarsi la vittoria. A 500 metri dall’arrivo Sanetti riesce a strappare lasciando dietro tutti gli altri e vince con una trentina di metri di vantaggio su Bernardinetti che regola Balloni e Rellini.

Bruno Sanetti all’arrivo può esultare urlando e dedicando, finalmente, la vittoria al caro nonno ed all’amico colonnello Giuseppe Faraglia. Alla premiazione il figlio di Giuseppe, Emanuele, e la moglie Daniela hanno voluto omaggiare e ringraziare gli organizzatori con una targa ricordo. Un grande grazie, da parte degli organizzatori, alle forze dell’ordine che hanno reso possibile l’evento, i carabinieri, la polizia locale, i vigili del fuoco e la protezione civile.

 

Print Friendly, PDF & Email
Condividi con:
LEGGI TUTTE LE NOTIZIE