Cenone di Natale casalingo per 9 italiani su 10

Si profila un Cenone di Natale casalingo per 9 italiani su 10, da passare con parenti ed amici. In media gli italiani spenderanno 97 euro.tavola-natale Soltanto un esiguo 3% andrà al ristorante. Questi i dati forniti dalla Coldiretti/Ixe’, che, andando, nel dettaglio fornisce alcune informazioni: nel 16% delle famiglie si spenderà dai 30 ai 50 euro, nel 41% tra i 50 ed i 100 euro, nel 30% dai

100 ai 200 euro e una minoranza del 6% si manterrà sopra i 200 euro. Sempre secondo l’indagine della Coldiretti il 57% degli italiani prevede di spendere come lo scorso anno a tavola per il Natale, mentre il 25% pensa di dimezzare la sepsa. Soltanto per un 4% degli intervistati il cenone ed il pranzo di Natale costerà meno della metà dello scorso anno. Un 12% invece prevede di spendere di più. Ma quali sono le pietanze che gli italiani proteranno a tavola? Si prediligeranno i prodotti locali e quelli rigorosamente italiani. Secondo l’indagine Coldiretti/Ixe’, infatti, il 67% degli italiani porterà in tavola prodotti made in Italy, il 28% locali o a chilometri zero e l’11% prodotti biologici. Immancabili sulle tavole poi il panone di Natale in Emilia Romagna, u piccilatiedd in Basilicata, il panpepato in Umbria, la pizza di Franz nel Molise, lu rintrocilio in Abruzzo, le pabassinas con sa sapa in Sardegna, la carbonata con polenta in Valle D’Aosta, il pangiallo nel Lazio, le carteddate in Puglia, i canederli in Trentino, la brovada e muset con polenta in Friuli, i quazuni’elli in Calabria, il pandolce in Liguria, la pizza de Nata’ nelle Marche, i buccellati in Sicilia, il brodo di cappone in tazza in Toscana e l’insalata di rinforzo in Campania. Ed i tradizionali torroni, panettoni e pandori.

   

Leave a Reply