Università Unimarconi

Centro Commerciale Tuscia, martedì 11 maggio la protesta dei negozianti

VITERBO – I negozianti del centro commerciale Tuscia aderiranno ad una protesta silenziosa organizzata dalle associazioni per il commercio ANCD-Conad, Confcommercio, Confesercenti, Confimprese, CNCC–Consiglio Nazionale dei Centri Commerciali e Federdistribuzione, per contestare le misure governative che impongono la chiusura nei giorni festivi e prefestivi in centri commerciali, outlet ed alcuni parchi commerciali.

La gestione del Centro Commerciale ha richiesto ai negozianti la volontà di aderire a questa iniziativa che prevede la chiusura del proprio locale per 10 minuti il giorno 11 maggio alle ore 11. Sebbene possa essere considerato un disagio per i propri clienti, cosa che di principio il CC Tuscia vuole evitare, la gran parte degli operatori commerciali ha ritenuto preferibile e necessario far sentire la propria voce sugli aspetti che stanno penalizzando il settore.

L’iniziativa, che coinvolge oltre 30.000 negozi e supermercati, è promossa dalle Associazioni del commercio, ANCD-Conad, Confcommercio, Confesercenti, Confimprese, CNCC–Consiglio Nazionale dei Centri Commerciali e Federdistribuzione.

Con questa iniziativa, le sigle vogliono dar voce ai 780.000 lavoratori che chiedono l’immediata revoca delle misure restrittive che da oltre 6 mesi impongono la chiusura dei negozi nei festivi e prefestivi, i giorni più importanti della settimana, in termini di ricavi, e fondamentali per aiutare la ripresa economica delle attività commerciali e del Paese. Sempre nella giornata di martedì 11 maggio, una delegazione dei vertici delle Associazioni del commercio sarà presente a Roma per un confronto con alcuni esponenti politici sulla questione delle riaperture.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi con:
LEGGI TUTTE LE NOTIZIE