Ciclone Venere: oltre 1 miliardo di euro di danni secondo le stime della Coldiretti

Dal monitoraggio della Coldiretti emergono gli effetti portati dal ciclone Venere che ha colpito diverse regioni italiane. I danni superano oltre 1 miliardo maltempo-ventodi euro visto il ripetersi di eventi estremi abbattutisi nelle campagne che hanno messo in crisi la stabilità idrogeologica. I terreni appena seminati a grano sono stati allagati ed i venti forti hanno spezzato i rami

degli alberi da frutto. Gli eventi estremi, gli sfasamenti stagionali,il passaggio repentino dal sereno al maltempo con vere “bombe d’acqua” fanno sì che il terreno non riesce più ad assorbire. La Coldiretti rileva come nell’82% dei Comuni sono presenti aree a rischio idrogeologico per frane ed alluvioni, la percentuale varia dal 78 % della Puglia al 98 % del Lazio.La superficie delle aree di alta criticità geologica si estende per 29.517 chilometri quadrati , pari al 9,8 % del territorio nazionale e ciò comporta che oltre 5 milioni di cittadini si trovano esposti ai pericoli di alluvioni e frane.La Coldiretti denuncia come un modello sbagliato di sviluppo che ha tagliato per il 15 % le campagne ha fatto perdere 2,15 milioni di ettari di terra coltivata negli ultimi 20 anni.Si rivela inoltre come ogni giorno viene sottratta terra agricola per un equivalente di circa 400 campi da calcio (288 ettari) che viene abbandonata o occupata dal cemento.

   

Leave a Reply