Università Unimarconi

Civita Castellana, varata l’ordinanza per il divieto di usi impropri della fornitura idrica potabile

CIVITA CASTELLANA (Viterbo) – “L’acqua erogata dall’acquedotto deve essere utilizzata, specie nel periodo estivo, esclusivamente per scopi igienico-sanitari personali e alimentari”. Lo afferma il sindaco di Civita Castellana, Luca Giampieri, che ha emanato un’ordinanza col divieto di uso improprio della fornitura idrica potabile su tutto il territorio comunale.

“Nel periodo estivo si manifestano notevoli incrementi dei consumi idrici – spiega il primo cittadino – che causano sensibili e preoccupanti abbassamenti dei livelli di acqua potabile presso pozzi e sorgenti della rete idrica comunale. Pertanto, è necessario tutelare le riserve idropotabili a disposizione per l’approvvigionamento durante il periodo estivo, particolarmente critico a causa dell’aumento delle temperature, della scarsità delle precipitazioni e dell’aumento dei consumi per attività turistiche”.

Pertanto, “con decorrenza immediata e sotto pena di decadenza delle rispettive concessioni – si legge nell’ordinanza del Comune -, è fatto divieto assoluto a chiunque di usare in tutto il territorio comunale acqua potabile proveniente dai civici acquedotti a partire dalla data odierna e sino al 30 settembre 2024, per usi diversi da quelli igienico-sanitari ed alimentari”. “In particolare è vietato l’innaffiamento di giardini, orti ed aree pertinenziali di fabbricati, pubblici e privati – seguita il documento -, il lavaggio delle autovetture, il riempimento di ogni tipo di piscine private, e comunque per usi diversi da quelli strettamente necessari per l’alimentazione e l’igiene, mediante attingimento dall’acquedotto comunale”. Derogano al divieto gli approvvigionamenti finalizzati ad interventi di soccorso ed alla manutenzione di spazi pubblici.

“Faccio un appello ai miei concittadini, che sono certo si atterranno alle disposizioni – conclude Giampieri -, affinché comprendano la necessità di evitare sprechi ed usi impropri di acqua erogata dalla rete idrica comunale”.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi con:
LEGGI TUTTE LE NOTIZIE