Comune di Viterbo: l’opposizione presenta 12 emendamenti al Bilancio di Previsione 2020

di ARIADNA BULAT –

VITERBO – Si è tenuta questo pomeriggio online la conferenza stampa dei consiglieri di opposizione che hanno presentato 12 emendamenti al Bilancio di Previsione 2020. Sono intervenuti Chiara Frontini, Alfonso Antoniozzi, Patrizia Notaristefano di Viterbo Venti Venti, Alvaro Ricci del Partito Democratico, Giacomo Barelli di Forza civica e Massimo Erbetti del M5S.

Gli emendamenti che verranno messi sul tavolo del Consiglio Comunale sono principalmente di due tipologie: spesa corrente e investimenti.

Spesa corrente:

  1. Contributo per bonus facciate che integra il contributo statale del 10% per le facciate e di un ulteriore 10%, un complessivo di 110% anche per coloro che oltre al rifacimento delle facciate fanno anche l’interramento dei cavi e fili all’interno dei centri storici comunali.
  2. SS Commercio, il pacchetto importante da 500 mila euro, di cui 300 mila euro per contributo affitti, 200 mila per il rimborso delle spese per l’adeguamento normative Covid – 19. “Tutte queste sono cifre tolte da spese che noi abbiamo ritenuto non così urgenti al momento attuale – dichiara la consigliera Chiara Frontini – Ad esempio per l’acquisto di arredi urbani e  le luminarie natalizie”. 
  3. Il sostegno alle famiglie meno abbienti per la didattica a distanza, con un contributo di circa 50 mila euro.
  4. Scuolabus: il fatto che su alcuni scuolabus non si riesce a mantenere il distanziamento e quindi serve dare la possibilità di supportare il servizio attraverso il noleggio di mezzi privati, questo andrebbe coperto con alcuni fondi dell’ infomobilità (20 mila euro).
  5. Cultura: sostenere i lavoratori culturali che hanno ridotto le loro attività e seguito dell’emergenza Covid 19 per un ammontare di 150 mila euro, tolti da altri incarichi.
  6. Interventi finalizzati a garantire il diritto alle studio agli alunni del primo ciclo per quanto riguarda telecamere, potenziamento linea internet, acquisto traffico dati per le famiglie in difficoltà.

Investimenti:

  1. Imposta di soggiorno relativa al polo museale della città
  2. I lavori della scuola di Santa Barbara
  3. La bonifica della scuola primaria di San Martino nel Cimino
  4. La strada Fonte
  5. La strada Salemme
  6. Il maxi progetto della copertura della ferrovia di Piazza Crispi
Giacomo Barelli

“Cerchiamo di sistemare un bilancio sbagliato – prende la parola Giacomo Barelli portato da un assessore della Lega che è il gruppo più grande, della maggioranza. L’opposizione invece ha trovato il coraggio, mostrando una vera e propria manovra alternativa”.

Massimo Erbetti

“Abbiamo analizzato – continua Massimo Erbetti il bilancio dell’amministrazione Arena che ad oggi, per quanto riguarda covid 19, non ha fatto niente. Ha soltanto messo in campo le forze lavorative per distribuire quello che il Governo e la Regione hanno dato al Comune, come sarebbero i buoni spesa. Aiuti zero dal Comune, la loro priorità era di passare un bel Natale. Non c’era bisogno di lucine e di albero ma di investimenti per la ripartenza. Perché non hanno aperto la ZTL anche in via Saffi che è una via morta? Perché non aiutare loro, quelli di piazza delle Erbe? L’amministrazione non deve pensare a tutti i cittadini?”

Chiara Frontini

Secondo l’opposizione il Bilancio di Previsione 2020 elaborato dalla maggioranza è un bilancio che non prendere in considerazione l’emergenza epidemiologica e i danni che essa sta causando soprattutto per quanto riguarda i settori più colpiti: “Lo spirito comune è quello di aver valutato in maniera unanime che questo bilancio è  slegato dalla situazione contingente, è un bilancio che fa come se il Covid non esistesse. Nulla c’è nel bilancio presentato dall’amministrazione attuale in sostegno di una delle categorie più vaste e colpite dalla pandemia, ossia il commercio.” – aggiunge la consigliera Frontini. 

Alfonso Antoniozzi

Il consigliere Alfonso Antoniozzi ha, quindi,  parlato dei danni provocati della pandemia sul settore culturale, del fatto che i lavoratori di tale ambito sono rimasti senza lavoro dall’inizio dell’emergenza Covid, ossia da febbraio: “Il bilancio proposto dalla maggioranza è uno, di gestione, il nostro invece è di comunità. Ci siamo sforzati di mettere da parte le cose che ci dividevano per lavorare su quelle che ci univano e per produrre degli emendamenti che vengono incontro ai cittadini”. 

Poi ci sono le nuove povertà che la pandemia ha portato e sulle quali la consigliera Lina Delle Monache (Obiettivo comune) ha evidenziato: “Il Comune non ha investito un centesimo, finora ha solo usato fondi di governo e regione. Abbiamo anche pensato alla scuola di San Martino, per sistemare i problemi legati alla presenza di radon e la riapertura di Strada Fonte e Strada Salemme”.

Ha aggiunto la consigliera Patrizia Notaristefano: “Durante il lockdown non hanno nemmeno sistemato le strade. Quanto alla povertà, siamo stupiti che l’amministrazione non senta l’esigenza d’intervenire. Lo faremo noi”.

I consiglieri di opposizione poi riproporranno  il recupero di palazzo dei Priori mediane la contrazione dei mutui,  il completamento dei lavori sotto i portici, la riqualificazione dell’ex tribunale  in piazza Fontana Grande, la realizzazione del museo della Macchina di Santa Rosa.

“I soldi ci sono – ha spiegato Giacomo Barelli –  visto che su 7 milioni d’avanzo, 2 non li hanno utilizzati”.

Print Friendly, PDF & Email