Con il Circolo di San Martino al Cimino si conclude la fase congressuale per l’elezione del Segretario dell’Unione Comunale del Partito Democratico di Viterbo

Riceviamo da Stefano Calcagnini Segretario Unione Comunale pd-logoPD Viterbo e pubblichiamo.

“Con lo straordinario risultato del Circolo di San Martino al Cimino, (140 voti Calcagnini – 20 voti Pistilli), pari all’87,5% dei votanti, si conclude la fase congressuale per l’elezione del Segretario dell’Unione Comunale del Partito Democratico della Città di Viterbo.

Desidero, anche in tale circostanza, rinnovare, il mio più sincero ringraziamento, alle donne, agli uomini ed ai giovani, che mi hanno accordato in modo così significativo, la loro fiducia, nonché a tutti coloro che hanno organizzato il Congresso, e da ultimo, agli organi di informazione che hanno seguito la nostra attività ed il nostro dibattito congressuale. Essendo un moderato, avverto una certa ritrosia ad utilizzare tale espressione, tuttavia, con una percentuale che oserei definire “bulgara”, (700 voti Calcagnini – 181 Pistilli), mi è stato attribuito il peso e la responsabilità di guidare il Partito Democratico della città di Viterbo. Abbiamo celebrato il Congresso cittadino, nel pieno di un passaggio e di un risultato molto significativo e delicato per la nostra città. Tante cose sono cambiate e tante altre sono destinate molto presto a cambiare.

Tuttavia, quello che non cambia è il nostro impegno per la città di Viterbo. Ecco perché, quando qualcuno ci chiede quale è la nostra visione politica, quali sono le nostre scelte programmatiche, la nostra risposta è semplice: “Siamo come sempre, dalla parte della città di Viterbo e dei Viterbesi”. Un partito è grande non solo per il numero degli iscritti o per il numero dei voti che riesce a mettere insieme, ma anche e soprattutto per la sua capacità di rappresentare le esigenze prevalenti, le esigenze dei molti, se non di tutti. Insieme ad una squadra, unita, forte e coesa, vogliamo continuare ad impegnarci per consentire alla nostra città di tornare a crescere”.

   

Leave a Reply