Concessione mineraria per l’acqua termale delle Zitelle al Comune, la soddisfazione di Solidarietà cittadina, lavoratori ex terme Inps e Faperdue

VITERBO – L’ associazione “Solidarietà Cittadina”, rappresentata da Maria Immordino, il Comitato “Lavoratori ex-terme INPS”, rappresentato da Franco Marinelli, e Giovanni Faperdue, ex presidente associazione “Bullicame”, promotori della “maratona per l’acqua termale pubblica”, apprendono con grande soddisfazione che la Regione Lazio ha rilasciato al Comune di Viterbo, la Concessione mineraria per l’acqua termale delle Zitelle. La determina regionale è particolarmente importante, perché consentirà, finalmente, la chiusura del pozzo delle Zitelle, che disperde preziosa acqua termale, nella quantità di 12 litri al secondo dal lontano 1952, riversandola nel fosso Umeda.
Ci auguriamo che il Comune possa ora procedere alla chiusura, e che questa avvenga davvero entro l’anno, come affermato dall’ assessore al Termalismo Contardo, e che il flusso dell’acqua sia regolato e gestito oculatamente, in prospettiva della realizzazione di strutture ricettive, che sarebbero fondamentali per lo sviluppo economico della città di Viterbo, in crisi lavorativa gravissima ormai da troppo tempo.
Riguardo alle ex terme-INPS, il Consiglio Comunale del 30 giugno ha approvato il progetto Federterme, che costituisce un primo segnale positivo per la risoluzione di una questione che si trascina dal 1993, anno della chiusura dello stabilimento termale dei Lavoratori INPS. Siccome la proprietà del complesso ex INPS è al 50% della Regione, adesso è necessario che l’iter non si arresti, ma prosegua più speditamente possibile e venga trasmesso agli uffici della Pisana, per la definitiva approvazione, in modo da poter realizzare il bando.
Le iniziative a favore del termalismo viterbese riprenderanno a settembre, affinché si mantenga alta l’attenzione sul bene più prezioso a disposizione di Viterbo. Ribadiamo che terme e turismo sono strettamente legati, e che possono costituire il futuro per una città fortemente colpita dalla disoccupazione”.
Franco Marinelli, Comitato Lavoratori ex-Terme Inps
Maria Immordino, Associazione “Solidarietà Cittadina”
Giovanni Faperdue

 

Print Friendly, PDF & Email