Confartigianato: Cappuccetto Rosso ha vinto la competizione di torte decorate ospitata nella mostra “C’era una volta”

Si è aggiudicata un’impastatrice professionale da banco e il corso di gratuito di HACCP presso Confartigianato Imprese di Viterbo, Silvia Pascucci che, torta-vincitrice-confartigianatocon una torta raffigurante cappuccetto rosso, pinocchio e i tre porcellini ha conquistato quanti negli ultimi giorni hanno varcato la soglia della splendida chiesa di Sant’Egidio per immergersi nell’atmosfera di “C’era una volta”. Castelli incantati, bellissime principesse, galeoni magici, mele stregate, teiere,

fate, gnomi e folletti. La mostra ChocolArt, organizzata dalla pasticceria Casantini con il patrocinio di Confartigianato, apprezzata da chiunque abbia avuto il piacere di visitarla, è stata un vero e proprio successo con un affluenza di pubblico da record, tanto che verrà prolungata fino al 29 dicembre. Oltre alle meravigliose creazioni realizzate da Katia Casantini e dal suo staff, a farla da padrona sono state anche le numerose torte che hanno concorso al contest di cake design. Da Star Wars alla Carica dei 10, le deliziose creazioni hanno permesso agli aspiranti pasticceri di esprimere tutta la loro maestria e competenza. La dolcissima casa di Hänsel e Gretel, ricca di particolari e impreziosita da un tocco di genuino incanto, realizzata da Alessia Vitali, si è aggiudicata il secondo posto premiato con un abbonamento annuale alla rivista “Cake Design”. Francesca Revoltella e Silvia Cupelli invece sono arrivate terze a pari merito presentando due creazioni degne di nota: un’angelica regina delle nevi realizzata dalla prima sullo sfondo bianco del castello di ghiaccio e una rivisitazione del principe ranocchio interpretato dalla seconda. Andrea De Simone, direttore di Confartigianato imprese di Viterbo, ha preso parte all’affollata premiazione, presentata dalla scoppiettante Maria Paola Mascellini: «Complimenti ai tre classificati – è intervenuto il direttore – che hanno dato una grande prova creativa cimentando in un mestiere difficile e affascinante. La nostra associazione, come sempre, è fiera di sostenere manifestazioni come questa che hanno la capacità di attrarre un gran numero di persone che vengono ad ammirare (e assaporare ovviamente!), la sapienza del saper fare artigiano». Per chi ancora non avesse avuto il piacere di ammirare le sculture di cioccolato e le dolci torte all’interno della chiesa di Sant’Egidio, niente panico: tanto è stato il favore della critica e del pubblico che gli organizzatori hanno deciso di prolungare l’esposizione fino al 29 dicembre, contribuendo a rendere ancora più incantato questo Natale 2013. «La mostra è stata un’esperienza unica – spiega Katia Casantini, anima dell’evento – che ci ha permesso di coinvolgere tanti neofiti del cake design. Alla fine di aprile, replicheremo il contest, vero e proprio successo di partecipanti, che ha dimostrato la qualità ed efficacia del nostro progetto: quello che vorremo realizzare, infatti, è un appuntamento annuale, in collaborazione con tutte le realtà che ruotano intorno al cake design, che dia risalto e visibilità a Viterbo. Un evento che ricordi il Cake Show di Bologna o il Cake Design Italia Festival di Milano: un modo per attrarre turisti nella nostra splendida città». «L’idea di realizzare un contest di più ampio respiro che abbatta anche i confini della provincia per fare da vetrina al territorio – conclude Andrea De Simone – è un progetto molto valido che dimostra la volontà e la capacità dei nostri imprenditori di dare un segno positivo alla nostra economia, mediante l’attitudine a osare che li contraddistingue».

   

Leave a Reply