Congresso regionale Fials: Roberto Talotta eletto vice segretario regionale

Il 3 dicembre 2013, si è svolto a Roma il 5° Congresso Regionale della Fials, con la partecipazione di quasi 100 delegati provenienti dalleroberto-talotta-fondazione province di Viterbo, Rieti, Latina, Frosinone e Roma, chiamati ad eleggere la nuova segreteria che dovrà attuare una forte azione sindacale per i prossimi 5 anni. Il momento particolarmente difficile per tutto il mondo sanitario, ha stimolato un articolato e accentuato dibattito sulle tante questioni sollevate dai

congressisti che hanno stigmatizzato la pesante situazione che si ritrova in un precariato che sembra eterno, nel futuro previdenziale reso drammatico dalla rottura del patto intergenerazionale, dal blocco del turn-over, dal blocco degli aumenti contrattuali per gli operatori, dalla riduzione di assistenza ospedaliera e territoriale, mentre si perde fiducia nelle Istituzioni e nella Politica che, pur coinvolte in numerosi scandali e privilegi di ogni tipo, aumentano il costo dei ticket, riducono il personale nelle strutture sanitarie pubbliche e convenzionate, aumentano tasse e imposte ecc.. Da questo importante Congresso Regionale, la delegazione viterbese ha portato a casa un ottimo risultato con l’elezione di Roberto Talotta vice segretario regionale e Vittorio Ricci componente della stessa segreteria; inoltre, nel Direttivo Regionale Fials, sono stati eletti Roberto Melchiorri, El Habib Samir, Riccardo Boccini, Giancarlo Catani e Adriano Santori, già rappresentanti sindacali della Fials di Viterbo.

La neo eletta Segreteria Regionale si attiverà subito per tenere insieme i legittimi interessi dei Lavoratori con quelli dei cittadini e della Sanità, in un momento in cui viene mortificato il ruolo professionale degli operatori in attività nelle strutture sia pubbliche che private accreditate, ancora oggi fortemente penalizzati dalla Regione Lazio che, con il suo “piano di rientro”, continua a tagliare fondi, posti letto e prestazioni specialistiche.

   

Leave a Reply