Consiglio accesissimo ieri a Vitorchiano: la maggioranza sbotta “sconcertante l’atteggiamento della minoranza”. E spunta una telefonata anonima di minacce ad un dipendente comunale

Riceviamo e pubblichiamo dall’Ufficio Stampa del Comune di Vitorchiano: “Si invia nota della maggioranza consiliare al Comune di Vitorchiano.

nicola olivieriNella seduta consiliare di venerdì 20 dicembre, a seguito del comportamento non rispettoso delle istituzioni assunto dai consiglieri di minoranza Baglioni, Fabbri e D’Orazi e alla mancanza di rispetto verso il presidente del Consiglio Anna Lisa Creta, abbiamo deciso di abbandonare l’aula facendo saltare la seduta.

E’ sconcertante l’atteggiamento della minoranza: aggressioni verbali, urla, pugni sui tavoli, senza considerare la pretesa di stravolgere l’ordine del giorno per discutere soltanto i punti a loro cari.

 

Si tratta di un modo di fare che non può essere condiviso e che avvelena il corretto clima di confronto che si dovrebbe essere, quella sana dialettica tra maggioranza e opposizione. Legittimo è il dissenso, inaccettabile la mancanza di rispetto verso le istituzioni. Tutto, per fortuna, è documentato in un video e stavolta i consiglieri Baglioni, Fabbri e D’Orazi, abituati solo a fare gazzarra e a non assumersi le proprie responsabilità, non potranno negare l’evidenza.
Questo atteggiamento va avanti da troppo tempo e si inserisce in un clima avvelenato che si vive a Vitorchiano. E’ di qualche giorno fa, ad esempio, una telefonata anonima piena di minacce all’ingegnere individuato per eseguire la perizia sui lavori effettuati in piscina dall’associazione Dimensione Nuoto: lo si invitava, sotto minaccia, a rinunciare all’incarico. Noi ci rifiutiamo di legittimare questo clima, non scendiamo al livello di un’opposizione che, in due anni e mezzo, non ha fatto una – una! – proposta di governo, rifugiandosi sempre nell’insulto.

Il nostro gesto vuole essere un atto di denuncia forte contro chi calpesta il decoro delle istituzioni. Agiremo in tutte le sedi opportune per tutelare le prerogative del Consiglio comunale e della maggioranza che lo rappresenta”.

   

Leave a Reply