COP28, Rotelli (FdI): “Italia protagonista nel contrasto al cambiamento climatico”

VITERBO – “Gli impegni assunti dal Governo Italiano, dichiarati dal Presidente Meloni nel suo discorso alla COP28 di Dubai, rappresentano un ulteriore passo in avanti nei confronti delle già
incisive azioni finora messe in campo dall’Esecutivo per prevenire e contrastare gli effetti del
cambiamento climatico.
Gli oltre cento milioni di euro stanziati dal Governo per il finanziamento del Fondo “Loss e
damage”, contributo perfino superiore anche ad altre realtà europee, testimonia una volontà concreta di attivarsi nelle politiche per l’adattamento climatico.
La nostra nazione vive e paga direttamente il prezzo di alluvioni, frane e siccita’ e dunque non può che essere solidaristicamemte vicino ai paesi più vulnerabili ai cambiamenti climatici.
Sotto il profilo energetico, sono stati compiuti passi importanti nei confronti dell’obiettivo di triplicare la produzione di energia rinnovabile e raddoppiare annualmente l’efficienza energetica fino al 2030.
Inoltre va rimarcato che per la prima volta in una COP, state integrate negli interventi per la mitigazione e l’adattamento climatico le politiche a favore dell’agricoltura sostenibile.
L’ambizione italiana non è solo rivolta ad assicurare cibo per tutti ma “cibo di qualità” proseguendo idealmente nell’obiettivo già assunto a livello nazionale di garantire una agricoltura sostenibile.
L’intenzione è quella di rendere il settore sempre più attento al consumo d’acqua, ai pesticidi e al suolo ma senza abdicare alla qualità e all’assenza di rischio che solo un cibo naturale,
frutto della straordinaria tradizione alimentare italiana, può garantire.
La Cop28 non è certo terminata, così come non lo è l’impegno del presidente del Consiglio, del Governo e del Parlamento italiano, anch’esso presente e rappresentato a Dubai nei confronti di una transazione ecologica pragmatica e non ideologica”.
Lo dichiara in una nota l’On. Mauro Rotelli, Presidente della Commissione Ambiente,
Territorio e Lavori Pubblici della Camera.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi con:
LEGGI TUTTE LE NOTIZIE