Crisi in Comune, Lorenzo Ciorba rinuncia alla sua carica e Serra presenta la sfiducia al sindaco dei sette consiglieri democratici

di REDAZIONE-

Lorenzo Ciorba ha rinunciato alla sua carica da presidente del collegio dei revisiori dei conti. La rinuncia è stata letta dal figlio, Marco Ciorba, presidente del consiglio comunale, alla riunione dei capigroppo svoltasi questa mattina. ”Rinuncio – ha scritto Ciorba – pure essendo nella piena legittimità dell’assunzione dell’incarico. La mia decisione arriva in seguito ad una serie di attacchi politici e mediatici alla mia persona, attacchi che ledono la mia immagine e la integrità professionale. Evito così di intralciare l’attività amministrativa. Mi riservo di intraprendere comunque tutte le azioni per tutelare la mia immagine”.  Il capogruppo del Pd Francesco Serra ha poi formalmente consegnato il documento con la sfiducia al sindaco da parte di sette consiglieri democratici, uscendo poi dalla sala. La conferenza è così saltata per mancanza di numero legale. Melissa Mongiardo, fra i sette Pd dissidenti, ha rassegnato le dimissioni dall’incarico di presidente della prima commissione. Lo ha annunciato sulla sua pagina di Facebok, in cui ha scritto: “Ad oggi  non ravvedo le condizioni politiche per procedere alla convocazione della prima  commissione consigliare permanente. Pertanto, consapevole che questa mia decisione possa essere di ostacolo al procedere della macchina amministrativa, rassegno le mie irrevocabili dimissioni dalla presidenza della prima commissione”. Pronto a rassegnare le dimissioni da capo della quarta commissione anche Arduino Troili. La prossima conferenza dei capigruppo è stata fissata per giovedì 21 alle ore 12.

Print Friendly, PDF & Email