Cultura Identità Tuscia, annunciate le dimissioni dei membri del direttivo

VITERBO – Riceviamo e pubblichiamo: “Annunciamo, con rammarico, che l’esperienza del coordinamento di Cultura Identità Tuscia termina qui. In queste ore, difatti, la maggioranza dei membri del direttivo, a partire da Emanuele Ricucci (già responsabile dell’Organizzazione Nazionale e responsabile provinciale della Tuscia), sta rassegnando le proprie dimissioni. Così anche Umberto Ciucciarelli, già responsabile Viterbo Città, e Valentina Rinaldi, cui era stata affidata Tuscania. A seguito di una precisa ed unanime valutazione, l’assemblea interna ha valutato di interrompere le attività poiché non sussistono più i motivi per condurre con coerenza, rispetto alla missione di base di Cultura Identità, che ci appare disattesa, una concreta attività all’interno del movimento, da sempre portata avanti con passione. Questo ha portato, purtroppo, al venir meno dei rapporti di fiducia con il movimento. Occorre ricordare che con la conferenza stampa indetta lo scorso marzo a Viterbo, Ricucci e gli altri membri del coordinamento presentarono alcune iniziative – replicate poi nell’appuntamento di Bagnoregio, in cui il coordinamento testimoniò la nascita dell’iniziativa sulle Città identitarie,  a cui parteciparono le telecamere di Rai 2 e Vittorio Sgarbi -, targate Cultura Identità Tuscia, che riscossero grande interesse, come quella della “tutela del Patrimonio minimo”, la creazione di una scuola di formazione per assessori o consiglieri delegati alla Cultura e il Manifesto dell’identità della Tuscia, con cui immaginiamo, anche offrendo una via pratica alla sua realizzazione, un’unica grande identità che comprenda e valorizzi le più piccole che la compongono. La Tuscia come le Langhe, il Roero, il Chianti, il Salento, la Val d’Orcia e molte altre, per evidenziare i tratti comuni, per amplificare l’immagine complessiva, quadruplicando la forza dei comuni del viterbese che altrimenti da soli non riuscirebbero, come mole di lavoro, a estendere il proprio nome e a generare ampio interesse intorno a sé, e per andare oltre la misera definizione geografica di noi.
La nostra attività non termina con queste dimissioni, e su questo seguiranno aggiornamenti, anzi riparte proprio da queste proposte, ma crediamo fermamente che non sia più possibile essere parte del movimento Cultura Identità, che ringraziamo per la collaborazione”.
Il coordinamento dimissionario di Cultura Identità Tuscia:
Emanuele Ricucci
Umberto Ciucciarelli
Valentina Rinaldi
Paolo Zanetov
Paolo Capitini
Riccardo Ronconi
Emanuele Telli
Print Friendly, PDF & Email