Culture a confronto (“La via del mare” incontra l’autunno a Ronciglione)

Un appuntamento di musica, canto, poesia, pittura, video è quanto propone la IX Edizione de “La via del mare” nella sua tappa a Ronciglione, domenica 17 novembre 2013 a partire dalle ore 18.00 nella “Sala del Collegio” di Corso Umberto. Questoronciglione luogo ha già catturato l’interesse de “La via del mare” nell’ottobre 2012 e nell’agosto 2013 nell’ambito di incontri preparatori per edizioni future: due incontri con il pittore, scultore, poeta Giuseppe Mannino, dai

quali è scaturita un’interessante proposta a questo artista (proposta da lui subito accolta con entusiasmo) da parte del maestro Silvio Benedetto Direttore Artistico dell’associazione “La via del mare – Incontro con”: portare in Argentina in un prossimo viaggio de “La via del mare” un ciclo di pitture che Giuseppe Mannino realizzerà in dialogo con quel grande poeta del fantastico che fu Jorge Luis Borges. Un progetto futuro che aggiunge significato alla presenza di Giuseppe Mannino, e delle sue poesie da egli stesso interpretate, in questa attuale IX Edizione de “La via del mare”. Tra i protagonisti dell’incontro di domenica 17 Micaela Chauque, celebre artista del Nordest argentino (zona di Jujuy) e appartenente al gruppo originario dei Coya che abitano quel territorio da secoli, ben prima della colonizzazione europea: il suo concerto di musica e canto ci farà viaggiare lontano attraverso le magiche sonorità indigene di strumenti andini come la “quena”, il “siku”, il “charango”, e attraverso l’espressione del sentimento profondo del suo canto, un canto che coinvolge sentimenti, emozioni, affetti ed immaginazione, e che persiste ancora oggi in tutto il Nordest Argentino come riflesso di epoche lontane. Sarà un tuffo in quell’ancestrale cultura andina che lega l’uomo in maniera inscindibile con la natura, con il paesaggio, con il vento, con il silenzio delle alte montagne. Paesaggi che saranno proposti al pubblico anche attraverso immagini suggestive grazie ai video di Silvia Lotti. Un altro motivo per non mancare: durante il concerto un’imperdibile azione pittorica dell’artista italoargentino Silvio Benedetto. Questo bel programma lo si è voluto intitolare “Incontri d’autunno” I Edizione nel desiderio che esso si configuri in maniera continuativa sempre in questo periodo dell’anno.

   

Leave a Reply